Dalla Regione fondi per i borghi rurali, Lupo: "Musumeci sceglie quelli fascisti"

Il capogruppo Pd contro la decisione del governo regionale di stanziare circa 14 milioni di euro per riqualificare e valorizzare tre borghi rurali costruiti negli anni Quaranta su incarico del governo fascista, tra cui Borgo Borzellino nel Palermitano. Falcone: "Polemica stucchevole"

Borgo Borzellino

"Il governo regionale ha annunciato di avere stanziato circa quattordici milioni di euro per riqualificare e valorizzare tre borghi rurali costruiti negli anni Quaranta su incarico del governo fascista. Una decisione, questa, che è da attribuire all’assessore ad interim ai Beni culturali, ossia lo stesso presidente della Regione Nello Musumeci". Lo dice il capogruppo del Pd Giuseppe Lupo che ha presentato un’interrogazione all’Ars indirizzata “al presidente della Regione e all’assessore ai Beni culturali”.

I tre borghi in questione sono “Borgo Lupo” in provincia di Catania, “Borgo Bonsignore” nell’Agrigentino e “Borgo Borzellino” in provincia di Palermo.

"Chiediamo al presidente Musumeci, in questo caso nella sua ‘doppia veste’ di presidente e assessore ad interim, di rispondere in aula per spiegare quali criteri, che non siano quelli di matrice ideologica e di fede politica, hanno spinto a selezionare questi tre borghi fra tutti quelli già censiti in condizioni di degrado che, disseminati nell’intero territorio rurale regionale, meriterebbero azioni di recupero e valorizzazione anche in rete e nella cornice dei ‘Borghi più belli d’Italia’".  

Nell’interrogazione, firmata da tutti i deputati del gruppo Pd, si sottolinea come questa scelta caratterizzi un’azione amministrativa "che dirotta le risorse secondo criteri di ispirazione politica che non possono essere condivisi perché certamente non neutrali e meramente selettivi, in quanto fondati sulla fede politica piuttosto che su una azione sistemica e strategica indirizzata al recupero dell’architettura rurale".

I parlamentari del Pd chiedono dunque di "rideterminare la scelta annunciata e l’iter amministrativo eventualmente avviato sui borghi selezionati, e predisporre un piano di valorizzazione secondo i criteri della pianificazione strategica territoriale che abbracci il complesso numero dei borghi rurali e ne predisponga il loro restauro, la tutela ed il rilancio ai fini turistici nelle aree interne quale modello altro di turismo da fornire e sostenere". Il Pd chiede inoltre di provvedere in tempi rapidi alla nomina dell’assessore per i Beni culturali e ambientali.

La replica arriva dall'assessore alle Infrastrutture Marco Falcone: "Difficile comprendere come mai il capogruppo del Pd punti il dito su tale iniziativa in maniera tanto stucchevole, commettendo un doppio errore. Da un lato, critica degli investimenti che danno tutela al territorio e recuperano il valore storico-paesaggistico di un'architettura, quella del Ventennio, che, al netto delle contrapposizioni ideologiche, rientra comunque fra le più importanti della storia d'Italia. Per altro verso, se proprio Lupo avesse voluto dare un taglio ideologico alla questione, avrebbe dovuto essere tempestivo nell'applaudire il governo Musumeci quando, dopo anni d'attesa, ha finalmente sbloccato l'esproprio dell'edificio dove fu ucciso Peppino Impastato. Una figura che per anni si è voluto associare solo a una certa parte politica, quando in realtà la lotta alla mafia è patrimonio comune a tutte le forze democratiche del Paese". Per Falcone: "Investire su Borgo Lupo, Borgo Bonsignore e Borgo Borzellino significa, in realtà, puntare sulla Sicilia rurale, sulle zone depresse che avranno nuova linfa grazie all'intervento del Governo Musumeci, anche nell'ottica di un aumento dei flussi turistici. La presa di posizione di Lupo, peraltro, appare ancora più inspiegabile, una giravolta suggerita dall'opportunità politica, se si ricorda che, quando il presidente Nello Musumeci fece tale proposta dai banchi dell'opposizione, lo stesso Pd di Lupo assicurò all'iniziativa il proprio sostegno in aula".

Articolo aggiornato il 21 settembre 2019 alle ore 12.11

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sperone sotto shock, annuncia suicidio su Facebook e si toglie la vita

  • E' morto "U Zu Totò", per 50 anni ha fritto panelle e crocchè accanto alla Fiera

  • I palermitani con la colla sulle mani, la "banda dell'Attak" fermata prima del colpo in banca

  • Si accascia per terra e non si rialza più, uomo muore sotto i portici di piazzale Ungheria

  • Foro di Palermo in lutto, muore improvvisamente avvocato

  • Incidente sulla Palermo-Mazara, tir sbanda e il conducente viene sbalzato sull'asfalto: è grave

Torna su
PalermoToday è in caricamento