Finanziaria Regione Sicilia, Cantiere Popolare: "Approvata legge senza anima"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Ancora una volta il governo ha proposto e la maggioranza ha approvato una legge finanziaria senza anima, che non contiene una sola misura per lo sviluppo della Sicilia. È soltanto grazie al lavoro meritorio del gruppo parlamentare del Cantiere Popolare se sono state positivamente esitate e fanno parte della legge finanziaria alcune misure fondamentali per il mantenimento della pace sociale e per il ripristino della dignità di tanti lavoratori siciliani. E' con orgoglio che rivendichiamo il contributo decisivo dei nostri parlamentari per l'approvazione della norma che attribuisce una importante posta in bilancio per la tutela dei disabili, per il reinserimento nel mondo del lavoro degli ex sportellisti, dei lavoratori dell'Aras, per la creazione dell'Albo delle società partecipate, garanzia per il buon funzionamento della macchina regionale, per l'implementamento delle somme a favore degli enti assistenziali, in primis quello dell'Unione italiana dei ciechi. È soltanto grazie alla nostra iniziativa, inoltre, che è stato prorogato e non verrà interrotto il servizio relativo al trasporto pubblico locale e se è stata approvata la norma che finanzia il Garante dell'infanzia, finalizzata alla tutela dei minori migranti e alla nomina dei loro tutori. Questo è ciò che di buono resta in questa pessima legge di stabilità della Regione siciliana e ciò soltanto perché per queste norme ci siamo battuti e ci siamo imposti democraticamente spesso anche contro la volontà dello stesso Governo regionale, attaccato in maniera miope ad interessi di bottega che nulla hanno a che fare con il bene comune dei cittadini siciliani". Lo affermano l'onorevole Toto Cordaro, presidente del gruppo parlamentare Cantiere Popolare e l'onorevole Roberto Clemente, componente della Commissione Bilancio all'Assemblea Regionale Siciliana. 

Torna su
PalermoToday è in caricamento