Ferrandelli contro il Muos: "Mi appello a sovranità dei siciliani e al diritto alla salute"

Il deputato del Pd all'Ars: "Il ministro Cancellieri ha definito l'istallazione di 'interesse strategico', a mio avviso l'unico interesse dovrebbe essere la salute dei siciliani"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Il ministro Cancellieri ha definito l'istallazione del Muos di 'interesse strategico', a mio avviso l'unico interesse dovrebbe essere la salute dei siciliani". Queste le dichiarazioni di Fabrizio Ferrandelli, deputato Pd all'Ars e segretario della commissione Ambiente e territorio che oggi ha illustrato la sua mozione in sostegno della petizione contro l'istallazione del sistema militare Muos, nella base di Niscemi.
 
"Con la presentazione della mozione contro il Muos, di cui sono promotore e primo firmatario - dichiara Ferrandelli - ho dato il via ad un intenso dibattito, fuori e dentro l'aula. Considerata la pericolosità del Muos, ho chiesto al Governo regionale, all’assessore per la Salute e all’assessore per il Territorio e ambiente di provvedere alla revoca delle autorizzazioni precedentemente rilasciate per la realizzazione del sistema militare presso la base militare Ntrf di Niscemi. Credo che non di possa procedere all'istallazione senza, innanzitutto, il parere del ministero della Salute e dell'Enav".
 
"Le tre antenne radar che la Marina militare statunitense sta istallando – precisa Ferrandelli – emetteranno costantemente onde elettromagnetiche ad altissima frequenza e di grande potenza che, da studi condotti dal Politecnico di Torino, costituiscono non solo un rischio per la salute per l’inquinamento elettromagnetico del territorio, ma anche un pericolo per l’aeroporto di Comiso, a causa delle interferenze con le apparecchiature di volo. Durante il mio intervento, mi sono appellato al senso di responsabilità dell'aula, al riconoscimento della sovranità del popolo siciliano e alla tutela del diritto alla salute di tutti i cittadini e di quelli che nasceranno.  Per questo lotterò al fianco del Comitato No Muos, delle associazioni e dei movimenti che chiedono solo il rispetto del territorio e il diritto alla salute della popolazione. E sono certo – conclude Ferrandelli – che il presidente Crocetta farà quanto in suo potere per bloccare l’istallazione del Muos, così come ha già più volte dichiarato”.
 

Torna su
PalermoToday è in caricamento