Settima circoscrizione, Costantino lascia Forza Italia: "Costola servile di Orlando"

Il consigliere di quartiere, vicino all'eurodeputato Giuseppe Milazzo, passa al gruppo Misto. L'addio in aperta polemica con il partito: "Non hanno permesso la discussione della mozione di sfiducia contro l'amministrazione. Io non faccio da zerbino alla Giunta"

Fabio Costantino

"Lascio Forza Italia, una compagine che non garantisce più l'opposizione alla Giunta Orlando ma ne è una costola servile, non permettendo neanche la discussione in Aula della mozione di sfiducia contro tale amministrazione che io e il consigliere di circoscrizione del M5S, Giovanni Galioto, qualche giorno fa avevamo presentato. Un atto politico unico nel suo genere tra tutte le circoscrizioni palermitane". A parlare è il vicepresidente della settima circoscrizione, Fabio Costantino, molto vicino all'eurodeputato Giuseppe Milazzo.

Forza Italia quindi perde un altro "pezzo" nelle circoscrizioni, dopo l'addio di Umberto Aresu e Antonino Nona (della Sesta), che hanno aderito a Fratelli d'Italia. 

"Oggi, avevamo chiesto il prelievo della suddetta mozione e permetterne la discussione in Aula. Forza Italia - sottolinea Costantino - con in testa il suo capogruppo Gottuso, esprime parere contrario, asserendo in modo errato e senza documenti a supporto, che la Circoscrizione non può presentare una mozione di sfiducia contro l'amministrazione comunale. I consiglieri Puma, Sandovalli e Armetta si sono astenuti, non consentendo in sostanza la discussione".

"Ricordo che Forza Italia è all'opposizione - conclude il consigliere della Settima circoscrizione - e dovrebbe tradurre in fatti concreti il malessere del popolo, scontento dei disastri compiuti da Orlando e sodali. Non prelevando la mozione, non hanno consentito un democratico dibattito in Aula. Per tale motivo passo al gruppo Misto. Forza Italia non è più in grado di ascoltare la gente e io non sono disposto a fare da zerbino a questa amministrazione, colpevole di un degrado urbano che è sotto gli occhi di tutti".

"Forza Italia in VII Circoscrizione non è mai stata e mai sarà a servizio di questa amministrazione Orlando e ha svolto e continuerà a svolgere, con costanza, il proprio lavoro nell'interesse della collettività circoscrizionale". Lo scrive in una nota Pietro Gottuso, capogruppo di Forza Italia della VII Circoscrizione che respinge al mittente le accuse di “servilismo” del consigliere Costantino.

"La mozione di sfiducia al sindaco Orlando - dichiara Gottuso - non doveva essere inserita all'ordine del giorno dal presidente Fiore, ma doveva essere rigettata come irricevibile giacchè la Circoscrizione non ha alcuna competenza in merito. Infatti, la legge regionale 35 del 1997 all'articolo 10 dispone che 'l'organismo comunale preposto di porre la mozione di sfiducia al Sindaco, è il Consiglio comunale che può presentarla  in un determinato arco temporale della consiliatura sottoscritta da almeno i due quinti dei consiglieri assegnati'. Si può comprendere - continua Gottuso - che il cittadino comune non sappia quanto appena detto, ma che non lo sappia il consigliere Costantino che da 13 anni è in Circoscrizione e il consigliere Galioto, paladino dei 5Stelle in VII Circoscrizione, è grave, giacchè illudono i cittadini che il consiglio di Circoscrizione possa mandare a casa il Sindaco. Il Consiglio di Circoscrizione non ha alcuna competenza per sfiduciare il sindaco Orlando, e quindi la mozione non andava presentata nè tanto meno messa all'ordine del giorno, e, nell'economia dell'attività consiliare, trattare argomenti di cui la legge dispone essere di competenza di altri organismi, si può ravvisare un danno erariale. Queste sono state le motivazioni - conclude Gottuso - per cui oggi in consiglio, alla richiesta del prelievo della mozione di sfiducia al sindaco Orlando, Forza Italia ha detto di no".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Annientata la Cupola di Cosa nostra: arrivano 46 condanne, inflitti oltre 4 secoli di carcere

Torna su
PalermoToday è in caricamento