Emergenza rifiuti, Anello (Lega): "Orlando chieda l'intervento dei mezzi spazzaneve fermi a Piano Battaglia"

Il commissario provinciale della Lega lancia la proposta al sindaco, che è anche presidente della Città metropolitana: "Pale meccaniche ed altre attrezzature della Protezione civile provinciale possono liberare la città dall'immondizia"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Per superare l'emergenza rifiuti in città si potrebbero usare le pale meccaniche spazzaneve della Protezione civile provinciale ferme a Piano Battaglia, mezzi idonei alla raccolta che il sindaco Orlando in qualità di presidente della Città metropolitana dovrebbe richiedere senza indugi per affiancarli a quelli della Rap e liberare alla svelta le strade dalle montagne di immondizia". A lanciare la proposta è Alessandro Anello, commissario provinciale della Lega, consigliere comunale a Sala delle Lapidi ed ex assessore provinciale all'indomani di una video-denuncia che il Carroccio ha diffuso per documentare le cataste di immondizia in molti quartieri, con cumuli di sacchetti maleodoranti che invadono, tra le altre cose, gli ingressi delle scuole e le fermate degli autobus.

"Prendiamo tutti atto - rileva Anello - del pugno duro dei vertici Rap contro alcuni dipendenti responsabili di atteggiamenti ostruzionistici che hanno rallentato o impedito la raccolta della spazzatura, complici le numerose assenze dopo il focolaio di Coronavirus scoppiato in azienda, ma con una carenza d'organico del 40-50% tra malattia, legge 104, quarantena e qualche altra assenza sospetta in un periodo di visite fiscali bloccate, la città si è ridotta ad un'autentica discarica a cielo aperto. Nell'attesa che si risolvano le scaramucce all'interno dell'azienda dei rifiuti - conclude Anello - Orlando cosa pensa di fare: condannare i palermitani ad affogare nella sporcizia? Il sindaco chieda subito aiuto alla Protezione civile provinciale, non c'è più tempo da perdere".

Torna su
PalermoToday è in caricamento