Regionali, Sondaggio Demopolis: sfida Musumeci-Cancelleri, astensione alle stelle

Il candidato governatore del centrodestra è in testa con il 34,5% delle preferenze, seguito da quello del Movimento 5 Stelle che si attesta al 32%. Solo terzo, il meno conosciuto Micari. Dati in linea con quelli diffusi da Tecnè per Tgcom24

A un mese esatto dal voto in Sicilia, la sfida per conquistare Palazzo d'Orleans vede due protagonisti: il candidato governatore del centrodestra, Nello Musumeci, e quello del Movimento 5 Stelle Giancarlo Cancelleri. Secondo il sondaggio realizzato dall'istituto Demopolis per il quotidiano “La Sicilia”, Musumeci è in vantaggio di due punti e mezzo su Giancarlo Cancelleri, che si attesta al 32%. Il dato è in linea con quello diffuso, solo ieri, da Tecnè per Tgcom24. Si conferma terzo il rettore Fabrizio Micari, esponente del Centrosinistra al 22,5%,. "Sembra scontare una minore notorietà rispetto ai competitor - commenta il direttore di Demopolis Pietro Vento  - ma anche le valutazioni negative dei cittadini siciliani sul Governo uscente". Più staccato, al 9%, Claudio Fava, che "attrae comunque un voto più ampio della lista che lo sostiene". Lo scenario però, secondo il direttore, appare ancora aperto ed in evoluzione, destinato a mutare con la presentazione delle liste dei candidati all’Ars in corso in queste ore. 

L’Istituto Demopolis ha misurato anche la conoscenza dei candidati alla Presidenza ad un mese dal voto: con l’80% Musumeci si conferma il più noto, seguito al 68% da Giancarlo Cancelleri, la cui notorietà è cresciuta di 10 punti nelle ultime 4 settimane. 6 intervistati su 10 hanno sentito parlare di Fava; il 39% di Micari, che – nonostante un incremento di 14 punti in un mese – resta ancora poco noto agli elettori dell’Isola. Resta stabile – nel sondaggio dell’Istituto diretto da Pietro Vento – la graduatoria della fiducia dei siciliani. Tra quanti hanno sentito parlare di ciascun candidato, il 40% dichiara di fidarsi di Giancarlo Cancelleri, il 39% di Nello Musumeci, il 37% di Fabrizio Micari. Si tratta di un giudizio, nel complesso, molto positivo per le figure in campo per la Presidenza della Regione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A un mese dall’apertura delle urne, secondo l’analisi di Demopolis, il consenso appare ancora fluido ed instabile: se l’80% di quanti esprimono oggi un’intenzione di voto si dichiara determinato a confermare tra un mese la scelta odierna, un quinto degli elettori siciliani afferma invece che potrebbe anche cambiare idea nei prossimi 30 giorni. “Sull’incertezza del risultato elettorale del 5 novembre – spiega Pietro Vento – pesa anche un’altissima astensione, stimata oggi da Demopolis al 56% degli aventi diritto: in ulteriore crescita rispetto al mese scorso…”.  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Straordinario ritrovamento a Caltavuturo: scoperta strada del secondo secolo Dopo Cristo

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento