Regionali Sicilia 2017

Siciliani liberi lancia il reddito di sostegno: "Assegno di 400 euro al mese per le casalinghe"

Nella proposta del movimento politico, che alle Regionali sostiene l'avvocato Roberto La Rosa, anche 200 euro per le lavoratrici part-time. Nell'Isola sono 1 milione e 100 mila le donne che "gestiscono una vera e propria azienda, quella familiare"

Un assegno netto di 400 euro al mese per le casalinghe e 200 euro per le lavoratrici part-time. In totale sono 1 milione e 100 mila le donne non registrate nel mondo del lavoro in Sicilia ma che "gestiscono una vera e propria azienda, quella familiare" che potrebbero essere coinvolte (200mila le donne con lavoro part-time) nel progetto del "reddito di sostegno", tra i punti fondamentali del programma dei 'Siciliani liberi', il movimento che sostiene l'avvocato Roberto La Rosa come candidato a governatore in Sicilia.

Il movimento indica anche le coperture per finanziare i 400 milioni di euro necessari a erogare il 'reddito di sostegno', il cui obiettivo è riconoscere il ruolo delle casalinghe e delle donne lavoratrici dentro e fuori casa, ma allo stesso tempo di incrementare le entrate familiari. Per il presidente di Siciliani liberi, Massimo Costa, docente di Economia all'Università di Palermo, le coperture "si trovano agevolmente recuperando parte delle risorse tributarie spettanti alla Sicilia (solo per l'Iva 3 miliardi) e attraverso l'emissione della moneta fiscale complementare".

Sul progetto punta molto Roberto La Rosa. "Riconoscere il loro ruolo sociale con un 'reddito di sostegno' - dice - non è solo un problema di equità sociale e morale, ma presenta anche importanti effetti benefici dal punto di vista economico".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Siciliani liberi lancia il reddito di sostegno: "Assegno di 400 euro al mese per le casalinghe"

PalermoToday è in caricamento