Martedì, 15 Giugno 2021
Regionali Sicilia 2017

Regionali, Ferrandelli incontra Renzi: "No ai populisti, I Coraggiosi con Micari"

L'ex deputato regionale, ora consigliere comunale, si ritroverà nella stessa coalizione del Pd e di Orlando, suoi avversari alle scorse Amministrative. La virata sul rettore? "Impensabile una Sicilia in mano a Salvini. Moderati in mano all'estrema destra"

Fabrizio Ferrandelli

"Per me è impensabile una Sicilia in mano a Salvini. Per questo dopo che si è chiuso il quadro attorno alla candidatura di Musumeci, con una resa dei moderati all'estrema destra antieuropea e antimeridionale, ho incontrato Matteo Renzi e ho dato la mia disponibilità per discutere insieme di un progetto di governo per la Sicilia, che corrisponda a quello che il movimento de 'I Coraggiosi' ha sempre immaginato per le nostre città e per l'isola". Lo dice il consigliere comunale Fabrizio Ferrandelli, leader dei "Coraggiosi", candidato sindaco appoggiato dal centrodestra, sconfitto da Leoluca Orlando.

E che adesso si ritroverà proprio assieme ad Orlando e al Pd - suoi avversari alle Amministrative dello scorso giugno - per appoggiare la candidatura di Fabrizio Micari. Così Ferrandelli spiega la "virata" verso il rettore: "Le forze moderate si sono sottratte al progetto dei 'Coraggiosi', preferendo l'abbraccio mortale con i populismi ad una prospettiva moderna ed europeista, che è l'unica che ci interessa".

"Di questo e del futuro della Sicilia, abbiamo parlato con Matteo Renzi - afferma Ferrandelli - Nelle prossime ore convocherò l'assemblea dei Coraggiosi e proporrò di approvare l'appoggio attivo, in tutte le province, al professor Micari".

Le reazioni

Esprime apprezzamento il sottosegretario alla Salute, Davide Faraone, che parla di "comune prospettiva progettuale e programmatica a livello nazionale tra i Pd e I Coraggiosi" dopo l'incontro tra Renzi e Ferrandelli, sottolineando che l'ex premier "intende rafforzare e valorizzare, all'interno di un percorso comune nel medio e lungo termine, l'esperienza dei Coraggiosi". 

Duro attacco invece da Marianna Caronia, che afferma: "Se non avessi conosciuto per tempo Ferrandelli, leggendo che alle prossime elezioni regionali sosterrà la candidatura di Micari alla Presidenza della Regione, sarei rimasta sbigottita così come lo rimarranno di certo le migliaia di persone che, ingannate, lo hanno votato. Ma ormai non c’è più niente che Ferrandelli possa fare per meravigliarci. Subito dopo aver avuto il sostegno di buona parte del centro destra e della sottoscritta nelle recenti elezioni amministrative, si è consegnato mani e piedi al sindaco Orlando per un suo personale tornaconto calpestando in concorso con lo stesso e con altri le più elementari regole della democrazia. Adesso un’altra bella virata a sinistra usando strumentalmente e demagogicamente la scusa della presunta resa dei moderati alla destra. Ho ragione di credere che nel suo incontro con Renzi si sia probabilmente parlato, non certo degli interessi dei siciliani, ma di una sua futura collocazione alle elezioni nazionali (così come vivaddio ha fatto anche Crocetta per togliersi finalmente di mezzo) e si sia, come sua abitudine, ancora una volta consegnato al miglior offerente".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali, Ferrandelli incontra Renzi: "No ai populisti, I Coraggiosi con Micari"

PalermoToday è in caricamento