menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il logo della lista Cento Passi

Il logo della lista Cento Passi

Regionali, Fava presenta il simbolo: "Cento passi per la Sicilia, siamo già al 25%"

Chiaro il riferimento ai cento passi che separavano la casa, a Cinisi, di Peppino Impastato da quello del mandante del suo assassinio, il boss Tano Badalamenti. Il candidato governatore: "Siamo qui per vincere"

La scritta "Cento Passi per la Sicilia" bene in evidenza e sopra, in bianco su campo rosso, "Claudio Fava presidente". Eccolo il simbolo della lista che sostiene Claudio Fava per la corsa alla presidenza della Regione Siciliana. Chiaro il riferimento ai cento passi che separavano la casa a Cinisi di Peppino Impastato da quello del mandante del suo assassinio, il boss Tano Badalamenti. Fava ha presentato la lista nel corso di una conferenza stampa all'Ars. Al suo fianco, Ottavio Navarra, designato come vice. 

Mea culpa e ironia

"Prima che me lo chiediate voi ve lo dico io: ho già fatto il cambio di residenza. E l'ho fatto in tempi non sospetti. Sono residente a Gravina di Catania, nella casa di famiglia". Fava punta sull'ironia e anticipa i cronisti. il riferimento è a quanto accaduto alle regionali del 2012 quando fu costretto a ritirare la sua candidatura perché si scoprì solo in ritardo che non era residente in Sicilia.

Sondaggi e voto utile

Nel corso della conferenza Fava ha reso noto l'esito di un sondaggio dell'istituto Piepoli, secondo cui "il 42% dei voti andrà a Musumeci, a pari merito Fava e Cancelleri con il 25% e l'8% a Micari". "Forse - dice Fava- su questa campagna elettorale si è spesa qualche accelerazione di troppo. E' ora di smetterla di alimentare questo vecchio refrain sul voto utile o sul voto a perdere che a nulla serve se non a far perdere altri, noi siamo qui per vincere".

Ai numeri snocciolati da Fava arriva pronta la replica dello staff di Micari: "Bello questo sondaggio, dove l'hanno trovato nelle patatine?".

I rivali

"Attorno al rettore Micari - attacca Fava - c'è una povertà di idee che mi preoccuperebbe. Di questo mi preoccuperei, non del fatto che ci sia una sinistra settaria, ma che a Catania alla presentazione della sua campagna elettorale siano state presenti quattro persone. La mia prima esigenza è che la mia lista sia uno specchio e questo siamo in grado di offrirlo",

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento