menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni regionali, l'appello di Idv: "Si parta dal programma e dalle primarie di coalizione"

Dopo la rinuncia del presidente del Senato Pietro Grasso a candidarsi alla presidenza della Regione, Italia dei valori invita "le forze politiche e civiche che vogliono un reale cambiamento" ad aprire un tavolo di confronto

“La rinuncia del presidente del Senato Pietro Grasso a candidarsi alla presidenza della Regione impone oggi una seria riflessione sulla scelta del nuovo candidato, ma anche e soprattutto sul progetto che lo deve sostenere. Pietro Grasso era certamente la giusta risposta al bisogno di buona e coerente politica, interpretata da personalità autorevoli, competenti e libere, ma, a nostro avviso, oggi non ci sono più le condizioni per affrontare le prossime elezioni regionali in Sicilia partendo dalla scelta del candidato". È quanto si legge in una lettera aperta a firma di Ignazio Messina, segretario nazionale dell’Idv, e Salvatore Messana, segretario regionale dell’Idv siciliano e dirigente nazionale, indirizzata "alle forze politiche e civiche che vogliono un reale cambiamento e un rilancio della buona politica in Sicilia".   

"Paradossalmente - proseguono - dalla grande crisi politica regionale può nascere un modello che può divenire riferimento per la politica nazionale, un vero cantiere di idee e programmi. Per tutto ciò non si può più partire dalla scelta del candidato presidente, ma dalla costruzione del progetto e per questo noi rivolgiamo un appello affinché vengano indette le primarie aperte di coalizione per la scelta del candidato ed il confronto di più mozioni, primarie che siano inclusive e libere, al fine di far frutto degli errori del passato”. 

"I siciliani - scrivono i due esponenti Idv - si aspettano un nuovo progetto e nuovi metodi che consentano di chiudere una fase della politica regionale nella quale la “tattica” ha prevalso sui contenuti, il fine ha giustificato ogni mezzo e soprattutto le principali forze politiche dell’area progressista non hanno potuto o saputo individuare il percorso subendo candidati e programmi che non nascevano dal dibattito interno ai partiti, dai territori e dalla idea di fondo che un progetto politico deve avere e sostenere. Oggi occorre cambiare strada e avviare una nuova fase rifondatrice e attuale, che riproponga ai siciliani il modello ispiratore del Partito Democratico e la costruzione di una coalizione politica, figlia dell’Ulivo, ma che tenga conto dei cambiamenti maturati negli ultimi anni. Guardiamo con interesse all’esperienza positiva di Palermo , alla quale abbiamo partecipato attivamente, e che ha saputo coniugare l’esperienza  dei movimenti civici e il ruolo e la funzione dei partiti politici. Partecipazione democratica, progetto politico, visione del modello di società cui tendere a nostro avviso sono le coordinate che devono muovere le prossime scelte. Italia dei Valori propone l’apertura di un tavolo programmatico di coalizione con tutte le forze politiche e movimenti civici  disposti a concorrere alla costruzione di un nuovo progetto capace di intercettare la fiducia dei cittadini e innescare un nuovo  'rinascimento siciliano'".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento