Regionali, un elettore del centrosinistra su tre ha votato per Cancelleri

Dall'analisi sul voto e sui flussi elettorali, condotta dall'istituto Demopolis, emerge una vera e propria migrazione dal centrosinistra al candidato del M5S. Astensionismo alle stelle, Vento: "Chiara compromissione della fiducia dei cittadini"

L'incapacità della politica di "incidere sulla vita reale dei siciliani" che spinge alle stelle l'astensionismo. La migrazione degli elettori di centrosinistra verso il Movimento 5 Stelle. Il voto disgiunto ai candidati alla presidenza. Sono i tre elementi principali che emergono dall'analisi sul voto e sui flussi elettorali condotta da Demopolis. 

Secondo l'istituto diretto da Pietro Vento, "l'astensione è stato il dato più caratterizzante delle Regionali". Il 53% del campione intervistato ritiene che la politica regionale non sia in grado di dare risposte ai problemi della gente; il 22% non si è recato alle urne perché deluso da partiti e candidati votati in passato; il 25% addirittura non vota da molto tempo. Siamo di fronte ad "una chiara compromissione della fiducia dei cittadini", dice Vento. 

Demopolis (1)-2

Nei numeri che hanno decretato la sconfitta del centrosinistra - con il candidato presidente Fabrizio Micari sotto il 20% - c'è una vera e proria fuga di consensi. A beneficiarne è stato soprattutto il M5S: un elettore di centrosinistra su tre ha votato per i grillini. Su cento siciliani che nel 2012 hanno votato Rosario Crocetta, domenica scorsa solo 51 hanno messo la croce sul nome di Micari; 30 hanno optato per Giancarlo Cancelleri; 14 hanno votato Musumeci, 2 hanno scelto il candidato della sinistra Claudio Fava. Il 3% si è astenuto.

Alta anche l’incidenza del voto disgiunto: ben 160mila elettori hanno votato esclusivamente per un candidato alla presidenza, senza barrare il simbolo della lista o esprimere la preferenza per un candidato all'Ars. Il consenso attribuito a Musumeci è in linea con quello delle liste di centrodestra (831mila voti all'ex presidente della Provincia di Catania, 809mila alle liste della coalizione); mentre Cancelleri prende 210mila voti in più rispetto a quelle andate al M5S: 723mila contro 513mila preferenze,

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' infine così distribuita la provenienza del consenso a Nello Musumeci: il 56% degli elettori lo aveva già votato nel 2012, il 27% arriva invece da chi aveva sostenuto Gianfranco Miccichè, il 10% dagli elettori di Crocetta e il 2% da Cancelleri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Straordinario ritrovamento a Caltavuturo: scoperta strada del secondo secolo Dopo Cristo

  • Coronavirus, altri 65 nuovi casi in Sicilia: Palermo la provincia più colpita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento