Grande Sud si scaglia contro Sel: "Offese contro Miccichè su twitter"

Al centro della polemica un "cinguettio" da parte di Sel Roma, che definisce il leader del partito arancione "un poveraccio senza dignità". La replica: "L'account non ci appartiene". Fava telefona al suo avversario

Il tweet "incriminato"

La campagna elettorale entra nel vivo e i toni si surriscaldano. Soprattutto sui social network, dove non mancano confronti e dibattiti, a volte accesi, tra sostenitori dei vari candidati alla Presidenza e, sempre più spesso, tra dirigenti stessi dei partiti. Un tweet postato nella notte da "Sel Roma" contro Gianfranco Miccichè, questa volta ha provocato l'indignazione da parte dei vertici di Grande Sud: "@claudiofava1 credo che i siciliani prenderanno a calci @MIccichèsud un poveraccio senza dignità. @NichiVendola".

Parole che non sono andate giù al segretario regionale di Grande Sud in Sicilia, Pippo Fallica, che ha replicato: "Dispiace che il partito di Claudio Fava inauguri la stagione dei veleni contro Gianfranco Miccichè. Se l'obiettivo di qualcuno è ottenere del facile consenso, attraverso le ingiurie e le offese gratuite nei confronti degli avversari politici, se ne assuma direttamente la responsabilità. Sia ben chiaro, noi non parteciperemo a questa inutile fiera delle volgarità. Al centro dei nostri interessi c'è la Sicilia e i siciliani".

ACCOUNT NON UFFICIALE. La risposta di Sel arriva poche ore dopo tramite una nota dell'ufficio stampa nazionale.  "Chi conosce Claudio Fava o Sinistra Ecologia Libertà o Nichi Vendola, sa bene che l'offesa, la violenza anche solo verbale non fa parte del nostro lessico quotidiano. Di solito, anzi, siamo noi oggetto di offese e trivialità varie. Da Sel mai nessuno si è sognato di scrivere un tweet di offese nei confronti di Miccichè. Le forze politiche che lo sostengono possono stare tranquille. Anche noi oggi abbiamo scoperto questo nuovo account @sel_roma , che non è assolutamente riconducibile alla federazione romana del nostro partito".

FAVA CHIAMA MICCICHE'. Un chiarimento...forse non molto chiaro, quello avvenuto telefonicamente tra i due candidati alla Presidenza della Regione, Claudio Fava e Gianfranco Miccichè.  L' ufficio stampa di Miccichè ha diffuso una nota dove comunicava che questo pomeriggio il leader di Grande Sud ha ricevuto una telefonata da parte del candidato di Sel e Idv,  "che si è voluto scusare personalmente per i toni usati nel tweet, dichiarandoli non conformi al suo reale pensiero".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Subito dopo però, arriva la precisazione dello stesso Claudio Fava, che  a proposito del lancio su twitter "attribuito arbitrariamente al mio pensiero politico - afferma in una nota - e contenente espressioni offensive nei riguardi dell’on. Miccichè, tengo a ribadire che non ho niente di cui scusarmi perchè quel messaggio non è partito dal mio staff ma è opera di un provocatore o di un hacker. Ho chiamato prontamente Gianfranco Miccichè per spiegargli che nulla ho a che fare con quel tweet e che non mi appartiene quel linguaggio che considero una provocazione anzitutto nei miei confronti. Sono certo che l’on. Miccichè - conclude Fava - abbia ben compreso e apprezzato il significato della mia telefonata”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento