Miccichè: "Mi fanno vomitare critiche sul caso del nome dell'aeroporto"

Tornando sulla polemica scaturita dalle sue parole, il leader di Grande Sud ha chiarito: "Nessuno metta in dubbio la mia attività antimafia e per la legalità". E su Cascio: "Dovrebbe deprimersi per la situazione del Pdl"

"A Falcone e Borsellino intitolerei tutto, ma sarebbe positivo non dare all'estero solo l'idea che la Sicilia è terra di mafia, quando invece il livello di infiltrazione non è superiore a quello in Veneto o in Lombardia. Le dichiarazioni che continuano a definire sconcertante e devastante il mio pensiero sull'argomento, mi fanno vomitare. Nessuno metta in dubbio la mia attività antimafia e per la legalità". E' quanto detto questa mattina da Gianfranco Miccichè su Radio Action. Parole che giungono in risposta alle polemiche dei giorni scorsi, dopo la frase del candidato governatore di Grande Sud, Partito dei siciliani e Fli riguardo l'inopportunità di avere dedicato l'aeroporto di Palermo a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Sempre del corso del suo intervento radiofonico, Miccichè ha risposto al presidente dell'Ars, Francesco Cascio, che ieri ha raccontato di essersi opposto alla candidatura del leader di Grande Sud quando gli fu prospettata da Silvio Berlusconi e che poi entrò in depressione a fronte di questa prospettiva. "A Cascio - ha detto Miccichè - dovrebbe venire la depressione per la situazione in cui è il suo partito, il Pdl. Non capisco la sua posizione".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Le mosse anti Covid di Orlando: nessun coprifuoco ma divieto di sostare in strada

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Gli insulti, la sparatoria in piazza e la chiamata al 112: "Questa è l'arma con cui l'ho ucciso"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento