All’Ars brilleranno le “Cinque Stelle” “Rifiuteremo tutti i privilegi”

Saranno 15 i grillini che siederanno a Sala d'Ercole. Cancelleri: "Incasseremo solo 2.500 euro di stipendio. Non faremo inciuci ma ascolteremo le proposte, se sono buone non avremo problemi a votarle"

Togliere i privilegi alla Casta, non fare inciuci e votare le “proposte” buone. All’indomani del clamoroso successo del Movimento 5 Stelle, il portavoce e candidato presidente Giancarlo Cancelleri annuncia i propositi dei 15 “grillini” che siederanno all’Ars.

“Tra i primi disegni di legge – ha detto Cancellieri in una conferenza stampa al Palab - prevediamo di presentare la riduzione degli stipendi dei parlamentari a 2.500 euro. Noi siamo decisi a incassare solo 2.500 euro di stipendio e a lasciare il resto nelle casse della Regione. In più rifiuteremo anche benefit e privilegi. Quando ci insedieremo - ha affermato- ci daranno da firmare dei documenti ma molti privilegi sono a chiamata, non li spunteremo e quindi non ne godremo. Però le indennità dovremo percepirle tutte ma possiamo fare un assegno e rendere queste somme all'Ars. La ragioneria non sa ancora in che capitolo inserirli ma la cosa è fattibile. Valuteremo più in là se destinare questi fondi per beneficenza o altro". Secondo Cancelleri, in 5 anni si potrebbero così accantonare somme per un milione e 400 mila euro.

Sul palco con lui alcuni dei 15 deputati eletti dal movimento (ecco chi sono). Alle accuse di non avere un programma, Cancelleri ha ribattuto: "Ne abbiamo online uno dal 15 di settembre (guarda il programma on line), chi lo dice o non ha il computer o non lo sa usare. Sulla presidenza dell'Ars la scelta del nome sarà valutato tutti assieme, non solo tra gli eletti ma in una fase assembleare più ampia, che acconsentirà anche ai semplici attivisti di prendere posizione su questo tema".

Quanto a un dialogo con il nuovo presidente della Regione, Rosario Crocetta, Cancelleri ha ribadito che non vuole fare "inciuci" e che il movimento non intende "spartirsi poltrone di sotto governo perchè non ci interessano. Faremo semplicemente -ha ribadito- un'alleanza sulle proposte. Se saranno buone non avremo problemi a votarle”.

“Cosa è scattato nei siciliani? La voglia di cambiare – conclude Cancelleri - da tutte le infamie che i partiti hanno fatto non solo a livello regionale ma anche nazionale. Hanno fatto più campagna elettorale loro a noi che noi stessi”.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • Incidente in viale Lazio, con la Vespa si scontra con un’auto: morto 15enne

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • Coronavirus, è grave la ragazza rientrata a Palermo dopo un viaggio a Malta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento