Sabato, 31 Luglio 2021
Elezioni

Elezioni, Salvini contro Salvini per chiedere voti ai "terroni": la provocazione di Avaaz 

Un finto leader della Lega si muoverà per la città in decappottabile, seguito da tre enormi manifesti con scritto: “Ho detto che puzzate. Ora voglio il vostro voto”. L'iniziativa del movimento cittadino "per ricordare le posizioni antimeridionaliste della Lega”

Matteo Salvini in tour contro Matteo Salvini. A pochi giorni dal voto delle politiche 4 marzo, il leader della Lega torna in una "veste vecchia" a Palermo per chiedere voti ai "terroni". E' l'iniziativa lanciata dal movimento cittadino Avaaz, che sta promuovendo una fittizia tappa del segretario del Carroccio per “ricordare agli elettori del Sud le posizioni antimeridionaliste di Salvini e della Lega”.

A bordo di una decappottabile, pronta a fare il giro del capoluogo, ci sarà infatti un finto candidato premier leghista. A seguirlo tre enormi manifesti affissi su dei camion vela 6x3 metri ispirati a quelli del film candidato all’Oscar “Tre manifesti a Ebbing, Missouri”. Ognuno con scritto: “Ho detto che puzzate. Ora voglio il vostro voto. Perché no, terroni?” e un richiamo al sito www.terroni-per-salvini.it.  

Appuntamento giovedì 1 marzo alle 12 al parcheggio del Foro Italico, all'altezza di villa Giulia. Qui gli attivisti di Avaaz spiegheranno alla stampa la loro iniziativa. Dopo l'incontro con giornalisti e curiosi, le vele si muoveranno alla volta della città, dal centro alle periferie. Il tour di "Salvini" partirà da Napoli domani, mercoledì 28 febbraio, e arriverà a Palermo dopodomani. Obiettivo quello di spiegare agli elettori "come possono usare il loro voto in modo strategico per impedire a partiti estremisti, Lega e Fratelli d'Italia, di arrivare al potere.Votando in ogni collegio in bilico, e in Sicilia sono 20, il candidato che ha la maggiore probabilità di battere all'uninominale quello delle destre".


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Salvini contro Salvini per chiedere voti ai "terroni": la provocazione di Avaaz 

PalermoToday è in caricamento