menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Massimo Costa

Massimo Costa

Costa attacca gli altri candidati: "Fantapolitica sulla Gesip"

L'ex presidente del Coni siciliano parla di "frottole" e punta il dito contro Ferrandelli e Aricò, che replica: "Non accetto lezioni da lui". E domani Costa svelerà una parte dei nomi della sua futura giunta

“Invece di raccontare frottole sul futuro della Gesip invito tutti i candidati ad andare a studiare o a dotarsi di un comitato scientifico. Qualcuno ha farneticato di una ‘bad company’ o ‘best company’. Forse è il caso che i candidati vadano un po’ a studiare. O almeno si facciano aiutare da chi ne capisce”. È l'attacco sferrato questa mattina da Massimo Costa, candidato a sindaco sostenuto da Pdl,Udc, e Grande Sud, nel corso della presentazione della terza parte del suo programma, “Palermo Vivibile”. Il riferimento, nemmeno troppo velato, è al vincitore delle primarie del centrosinistra, Fabrizio Ferrandelli. “Si fa fantapolitica sulla Gesip – prosegue Costa - molti altri candidati raccontano solo frottole, come chi parla di una holding. Ho sentito solo soluzioni false e tecnicamente irrealizzabili”. Destinatario della "frecciata", in questo caso è Alessandro Aricò, candidato di Fli, Mpa, Mps ed Api.

Immediate le repliche dei due candidati:  “Mentre in questi anni la Gesip affondava - dice Ferrandelli - Costa non so che faceva: probabilmente giocava a tennis con Cammarata o banchettava con lui e gli altri compari responsabili dei disastri di Palermo.La vertenza Gesip è una cosa seria – aggiunge - e va affrontata con serietà, così come ho dimostrato in questi anni. Non servono né battute in inglese né altre false promesse in aramaico. Bisogna risanare l’azienda anche attraverso l’internalizzazione di alcuni servizi in deroga al patto di stabilità e dare certezze ai lavoratori che dovranno essere impiegati al 100% delle loro potenzialità. So bene che da sindaco dovrò affrontare molte emergenze – conclude Ferrandelli – ci sarà bisogno di una Gesip risanata e del pieno impiego di tutti i suoi dipendenti”. “Non accetto lezioni da Massimo Costa - ha dichiarato Aricò -  appoggiato dal Pdl che in passato ha ceduto il 49% dell'Amg, l'azienda del gas, all'Amia. Hanno svenduto per ripianare i debiti - prosegue - quindi se Costa ritiene che la holding è una soluzione non praticabile è un problema suo perché deve studiare meglio. Invece è una soluzione tecnicamente fattibile. Costa non ha mai  fatto politica – conclude Aricò – ed è naturale che non conosca come funziona la macchina amministrativa”.


Intanto, saranno resi noti domani alle 12, nella sede del comitato elettorale di piazza Sturzo, i primi componenti della giunta guidata, in caso di vittoria, da Massimo Costa. “Unico criterio nella scelta degli assessori - ha ribadito Costa - sarà la competenza. Non sceglieremo in base ad accordi politici”. Nel corso della conferenza, l’ex presidente regionale del Coni ha presentato i punti programmatici della Palermo Vivibile: valorizzazione del verde pubblico, razionalizzazione della viabilità e creazione di nuovi parcheggi, sicurezza dei cittadini, potenziamento dei servizi on line, liberalizzazione dei servizi pubblici comunali,affidamento degli impianti alle società sportive, snellimento dei tempi della burocrazia.
 

Attendere un istante: stiamo caricando il sondaggio...

Questi i candidati a Sindaco di Palermo. Per chi voterai?



Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento