Giovedì, 24 Giugno 2021
Elezioni comunali 2012

Costa: “Trentamila voti sono tanti, a Palermo convenienza politica”

L'ex afferma l'ex presidente del Coni: "Sono tanti per uno che non ha mai fatto politica. Dietro di me sono arrivati altre persone che sono in politica da quando sono nati"

Chi si aspettava un Massimo Costa sconsolato dopo i scarsi risultati ottenuti dall’urna è rimasto deluso. “Io sono molto soddisfatto del risultato raggiunto – afferma l’ex presidente del Coni in conferenza stampa – e trentamila voti sono tanti per uno che non ha mai fatto politica. Dietro di me sono arrivati altre persone che sono in politica da quando sono nati, che sono stati vicesindaco e che hanno alle spalle apparati di partito”.

L’unica amarezza mostrata da Costa è nei confronti di quei cittadini che non hanno voluto dar vita a quel cambiamento da lui auspicato. “A Palermo si vuole continuare a dare un pezzo di pane, piuttosto che cercare le condizioni per lo sviluppo della città. Si sceglie la contingenza e convenienza politica. Orlando si è posto in contrapposizione – spiega - al governo Lombardo e all'amministrazione Cammarata, mietendo così successi. Poi c'è una strana legge elettorale che premia chi è più noto e conosciuto. Orlando è stato il creatore di un sistema, di una macchina comunale elefantiaca, che ha ingolfato lo sviluppo della città. E’ giusto che dopo anni ritorni a gestire quella macchina elefantiaca creata da un vecchio modo di fare politica”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Costa: “Trentamila voti sono tanti, a Palermo convenienza politica”

PalermoToday è in caricamento