Sabato, 23 Ottobre 2021
Elezioni comunali 2017

La Corte: "I giovani non percepiscono più il male del fenomeno mafioso"

E' questo il commento del candidato al Consiglio Comunale con la lista civica "Movimento 139", a margine di un incontro con studenti di varie facoltà universitarie di Palermo

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Vedere dei giovani provenienti dalla classe media del tessuto sociale palermitano ispirarsi a principi che esaltano l'astuzia e la mancanza di ogni scrupolo nei rapporti politici e sociali fa comprendere quanto lavoro ci sia ancora da fare sul fronte del cambiamento culturale ed antimafioso ". E' questo il commento di Serafino La Corte, Candidato al Consiglio Comunale con la lista civica "Movimento 139", a margine di un incontro con studenti di varie facoltà universitarie di Palermo.

Anche secondo un'indagine sulla percezione mafiosa condotta per il decimo anno dal Centro studi Pio La Torre di Palermo, infatti, tra i ragazzi che partecipano al Progetto educativo antimafia, la sfiducia dei giovani intervistati nei confronti della classe politica risulta elevata (84.53% nei confronti dei politici nazionali, 79.91% nei confronti di quelli locali), mentre il 47.27% ritiene che la mafia sia più forte dello Stato, e solo il 29.8% considera possibile sconfiggerla definitivamente.

"Diamo troppo spesso per scontata la sconfitta della cultura mafiosa, ma abbassando la guardia questa come un cancro maligno può rigenerarsi e fare più male di prima. In una società sempre più ostile alle regole della convivenza civile e della legalità, sempre più povera di valori, indifferente al bene comune e tendente all'individualismo - conclude Serafino La Corte - servirebbe più antimafia sociale con seminari ed eventi dentro e fuori le realtà universitarie e meno antimafia di professione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Corte: "I giovani non percepiscono più il male del fenomeno mafioso"

PalermoToday è in caricamento