rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Elezioni comunali 2017 Politeama / Via Emerico Amari

Via Amari da inferno a paradiso? Forello: "Il cantiere lascerà il posto alla Rambla"

Il candidato sindaco del M5S immagina l'asse stradale, che collega il porto con il Politeama, ciclo-pedonale. Chiusa al traffico anche parte di via La Lumia. Nel 2011 Tommaso Dragotto, candidato del Movimento Impresa Palermo, presentò un progetto simile per via Libertà

Il cantiere lumaca del passante ferroviario, che da oltre un anno tiene intrappolati i commercianti di via Emerico Amari, potrebbe lasciare il posto ad una "Rambla" come quella di Barcellona. La proposta è del candidato sindaco del Movimento 5 Stelle Ugo Forello che pensa ad una riconversione urbana non solo per quella strada, chiusa al traffico da oltre un anno per lavori, ma anche per le vie limitrofe. Il candidato sindaco immagina per l'intero asso stradale una ciclo-pedonalizzazione. Con la chiusura al traffico anche di una parte di via Isidoro La Lumia, che si aggiungerà a quella di via Principe di Belmonte.

"DRAGOTTO NON CI STA: RAMBLA IDEA MIA"

"Una straordinaria opportunità per migliorare le condizioni di vivibilità, di sviluppo economico e culturale del quartiere Politeama - afferma Forello - si creeranno dei veri e propri itinerari turistici e commerciali da vivere a piedi o in bicicletta, lontano dallo stress del traffico e dello smog. Così sarà Palermo a 5 stelle!".

Un regalo per i commercianti della zona le cui vendite sono in calo a causa delle transenne che limitano l'accesso ai negozi e che più volte sono scesi in strada per manifestare tutto il loro dissenso. Ma anche per i turisti che subito dopo lo sbarco al porto, invece di imbattersi nei cantieri, potrebbero attraversare la nuova "porta felice" della città. La proposta in realtà non è nuova. Prima del candidato sindaco del Movimento 5 Stelle, nel 2011 fu Tommaso Dragotto, candidato del Movimento Impresa Palermo, a proporre una 'Rambla'  palermitana. La strada scelta era via Libertà. Un anno fa l'idea fu ripresa dal consigliere comunale del Pd Luisa La Colla (Pd) che la presentò, alla terza commissione del Comune, un progetto per creare "Il Passìo". Il nome è diverso ma la sostanza non cambia: la zona tra il Politeama e il porto si trasforma in una grande area semi pedonale con alberi e panchine. L'idea è dell'architetto Salvatore Palmeri è vede protagonista via Emerico Amari dove dovrebbe sorgere un "percorso pedonale pavimentato delimitato da due strade, per permettere la naturale circolazione veicolare. Due filari di alberi a medio fusto, un sistema di illuminazione e di sedute si porranno come elementi di continuità del tratto in esame. Lo spazio antistante l’accesso al porto diventerebbe una piazza, luogo di aggregazione tra sistemi di sedute e giochi d’acqua".

L'inferno lascerà il posto al paradiso e il sogno diventerà realtà?
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Amari da inferno a paradiso? Forello: "Il cantiere lascerà il posto alla Rambla"

PalermoToday è in caricamento