Fontanini sull'appoggio del centrodestra a Ferrandelli: "Incomprensibile”

Secondo il leader del neo movimento “Il Centro Destra” i partiti che hanno fatto questa scelta hanno perso la loro politica originaria. Fontanini: "Crediamo che si debba lottare uniti, senza conflitti interni per poltrone e supremazia, né giochi di potere o 'inciuci' con la sinistra"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

In un clima, dove la corsa alla poltrona di Palazzo delle Aquile si fa sempre più calda, il leader del neo movimento “Il Centro Destra”, Alessandro Fontanini, si rivolge a tutti i partiti che “per l’orientamento politico adottato, non dovrebbero più definirsi di centrodestra”.
 

“Ormai, da diversi mesi, assistiamo inermi alla totale confusione generata dai partiti "cosiddetti" di centrodestra – afferma Alessandro Fontanini, presidente de ''Il Centro Destra'' - Mi domando, allora, chi, davvero, possa trarre beneficio da questo clima dove diversi esponenti delle forze politiche, anche di maggior rilievo, discutono animatamente, ogni giorno, per definire la scelta del candidato alla presidenza della Regione Siciliana”. 
 
“Da cittadino e, soprattutto, da presidente del nuovo partito/movimento, che con provocazione ho voluto chiamare “Il Centro Destra”, non comprendo come mai questi "grandi esperti" della politica non si rendano conto di come sia negativo il pensiero dell'elettorato verso il mondo politico”, prosegue Fontanini.
 
“Tutti gli elettori del vero centro destra vorrebbero vedere dei partiti che siano veramente di centrodestra – spiega Alessandro Fontanini - Solo così si potrebbe restituire onore e orgoglio alla Sicilia, anche con l'applicazione dello Statuto Speciale, che non mi risulta sia mai stato annullato”.

Ci sarebbero, quindi, secondo Fontanini dei partiti che, pur definendosi di centrodestra, hanno perso la loro politica originaria. “L'esempio più eclatante della non appartenenza alla politica targata centrodestra è la scelta da parte di alcuni partiti di sostenere la candidatura di Fabrizio Ferrandelli a primo cittadino di Palermo. Una scelta, a mio avviso, incomprensibile che, oltre ad avere generato infiniti malumori, potrebbe contribuire ad aumentare, in maniera considerevole, il popolo degli astensionisti”, ribadisce il leader de “Il Centro Destra”.
 
“Noi de "Il Centro Destra” – conclude Alessandro Fontanini - crediamo che si debba lottare uniti, senza conflitti interni per poltrone e supremazia, né giochi di potere o “inciuci” con la sinistra che, ormai, hanno seriamente stancato l'elettorato. Cambiamo, quindi, le regole e facciamolo restando uniti. Creiamo il vero cambiamento, quello che, ormai, manca da tempo nel segno della libertà e della sovranità”.
 

I più letti
Torna su
PalermoToday è in caricamento