menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni, "Sinistra Comune" in corsa con Orlando: "Dubbi su idee del Pd"

Nel corso di un'assemblea che si è svolta a Palazzo Cefalà è stato scelto il simbolo e il nome del soggetto politico rappresentativo della sinistra palermitana. Presenti, tra gli altri, il deputato Erasmo Palazzotto e l'assessore alla Mobilità Giusto Catania

La sinistra palermitana ha adesso un nome e un simbolo con cui correrà alle prossime elezioni amministrative. Si è svolta questa mattina a Palazzo Cefalà l’assemblea di "Sinistra Comune", che mette insieme le realtà della sinistra palermitana, partiti come Sinistra italiana, Rifondazione Comunista e L’Altra Europa, movimenti, le reti associative che operano nel territorio, dallo Zen al centro storico, e tanti singoli cittadini.

L’assemblea, a cui hanno preso parte oltre 200 persone, ha votato un manifesto dei valori, il nome “Sinistra Comune” e il simbolo scelto tra tre opzioni. “Prosegue il percorso democratico intrapreso nei mesi scorsi, puntando sulla partecipazione vera e condivisa e vedendo la città come bene comune, da difendere e migliorare”, hanno commentato gli organizzatori, tra i quali il deputato Erasmo Palazzotto e l'assessore comunale alla Mobilità Giusto Catania.

"Abbiamo individuato in Leoluca Orlando il nostro unico interlocutore - ha detto Catania all'Adnkronos -. Noi non siamo come altri che stanno tentando di capire dove soffia il vento per buttarsi. Noi abbiamo le idee chiare. Soniamo stati al governo con Orlando, abbiamo allargato la base di consenso della sinistra attorno a Orlando che oggi si rivede nella lista Sinistra comune". Parlando delle trattative tra il Pd e Orlando su un eventuale sostegno alle Amministrative (con o senza simbolo non è ancora deciso), Catania ha spiegato: "Prima dovrebbe essere il Pd a spiegare alla base le sue capriole... ll Pd dovrebbe spiegare come mai dopo cinque anni di insulti e ricorsi al Tar, con richieste di dimissioni, c'è stata questa trasformazione".

“Esprimiamo un giudizio positivo sull’esperienza amministrativa di Orlando - ha detto il deputato di Sinistra italiana alla Camera Erasmo Palazzotto - ed è dall’interlocuzione con lui che vogliamo ripartire per costruire una sinistra che possa governare la città nei prossimi cinque anni, risolvendo i problemi che ancora riguardano Palermo e dando ai cittadini le risposte su cui l’amministrazione ha la necessità di fare uno scatto in avanti. Ci sono tante emergenze a cui bisogna dare risposta, a partire da quella del lavoro e del rilancio dei siti produttivi fino alla raccolta dei rifiuti”.

Palazzotto ha espresso dubbi sull'appoggio del Pd a Orlando: “Non è il simbolo il problema. Noi non condividiamo con i democratici né idee né programma. Non ci interessa costruire coalizioni o alleanze sulla base di alchimie politiche, lo vogliamo fare sulla base dell’idea di quella che sarà la città del futuro. Vogliamo continuare a lottare affinché i servizi ai cittadini restino pubblici e difendere il valore della Carta di Palermo e della straordinaria esperienza che il programma di Orlando ha rappresentato, anche a livello internazionale, sull’accoglienza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento