La Vardera e quei sospetti di Forello: "Ma che fai, stai girando un film?"

Il grande bluff del candidato a sindaco del movimento Noi con Salvini: viene fuori un curioso retroscena durante un incontro al Don Bosco. Dallo staff di Orlando: "Avevamo notato comportamenti poco consoni..."

Qualche sospetto l'hanno avuto, ma è stato derubricato alla voce "strani comportamenti". A bluff svelato, nessuno però vuole procedere legalmente - almeno per il momento - contro Ismaele La Vardera, reo di essersi candidato a sindaco solo per girare un film-documentario sui retroscena della politica palermitana.

"Nulla da nascondere" dicono all'unisono Leoluca Orlando, Ugo Forello e Fabrizio Ferrandelli. "Anche quando avesse fatto delle riprese non autorizzate con una telecamera occultata, non abbiamo nulla da temere" fanno sapere dallo staff del sindaco Orlando. "Durante la campagna elettorale - aggiungono - avevamo notato comportamenti poco consoni ad un candidato".

IL RETROSCENA: QUELLA FRASE SU SALVINI CHE INSOSPETTI' LO STAFF

Ugo Forello, candidato del M5S, racconta di aver chiesto a La Vardera perché girasse sempre con un cameraman al seguito. "Mi venne spontaneo dire 'ma stai girando un film?' quando c'incontrammo al Don Bosco Ranchibile in occasione del primo incontro organizzato tra i candidati. La risposta fu: 'No, perché mi dici questo...?". Secondo l'ex presidente di Addiopizzo, quanto fatto da La Vardera è "eticamente censurabile, ma non sono preoccupato. Anzi, se dovessero emergere contraddizioni, ipocrisie o altro riguardo il modo di fare di certa politica, ben venga".

LEGGI ANCHE: L'INDIGNAZIONE DEI PALERMITANI: "HA PRESO TUTTI PER IL C..."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Forello, tuttavia, "siamo al parodosso di una pantomima della politica. Chiamatela pure parodia, di certo non è una cosa normale: è l'ulteriore sintomo di cosa produce la crisi della politica". Al contempo, aggiunge, "resta la presa in giro per chi lo ha sostenuto, per chi si è candidato nella sua lista ed ha creduto nel progetto politico". Forello nega poi di avere mai incontrato riservatamente La Vardera. Sembra infatti che l'ex Iena avrebbe incontrato staff e candidati di diversi schieramenti con le telecamere i microfoni nascosti. "Non mi ha mai chiesto di incontrarlo presso il nostro comitato - afferma -  e comunque non avrei accettato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento