rotate-mobile
Elezioni Comunali Provincia Palermo Carini

Elezioni comunali, ballottaggio a Carini: Monteleone eletto sindaco

Ha ottenuto 6.055 voti, contro i 4.018 di Gianfranco Lo Piccolo. L'affluenza ha fatto segnare un netto calo. Su 33.751 elettori hanno votato in 10.356, pari al 30,68%. Al primo turno invece il dato si era attestato al 54,08%

Giuseppe Giovì Monteleone è il nuovo sindaco di Carini. Appoggiato da Pd e dalle liste civiche "L'altra Carini", "CariniSi Sveglia", "Movimento civico Scrusciu", "Identità e Futuro" e "Azione popolare", ha ottenuto 6.055 voti con il 60,11% di preferenze. Era in ballottaggio con Gianfranco Lo Piccolo, appoggiato da Pdr e lista "Carini pulita", che si è fermato a 4.018 schede con il 39,89%.

LO SCRUTINIO
Sono stati chiusi alle 15
i seggi per il voto ai ballottaggio nei 13 comuni in Sicilia con più di 15mila abitanti, per l'elezione dei sindaci. Dopo le votazioni di ieri i seggi sono stati riaperti nuovamente stamane alle 7. E' così cominciato lo spoglio delle schede anche se i dati sono arrivati con molta lentezza anche a causa del blocco del sito della Regione Siciliana dalla tarda serata di ieri al pomeriggio.

L'AFFLUENZA
Carini era l'unico comune in provincia di Palermo al ballottaggio. L'affluenza ha fatto segnare un netto calo. Su 33.751 elettori hanno votato in 10.356, pari al 30,68%. Al primo turno invece il dato si era attestato al 54,08%.

LE REAZIONI
"Al termine di questa tornata elettorale siamo soddisfatti della vittoria dei candidati del Pd, o sostenuti dal Pd: vinciamo nella stragrande maggioranza dei comuni chiamati al voto". Dice Fausto Raciti, segretario regionale del Pd in Sicilia. "In particolare - aggiunge - penso alle affermazioni a Marsala, Bronte, Carini, Ispica e Milazzo, che seguono vittorie importanti al primo turno a iniziare da quella di Agrigento. Risultati che ci gratificano, specie in relazione all'impegno diretto che abbiano profuso in queste realtà. Prendiamo atto delle sconfitte di Enna e di Gela, dove con serietà avvieremo una seria riflessione sulle ragioni di questi risultati".

Per il senatore Vincenzo Gibiino, coordinatore regionale azzurro in Sicilia, oggi è “Una giornata importante per il centrodestra siciliano, che porta a casa vittorie estremamente significative ai ballottaggi, a partire dallo storico risultato di Enna, dove insieme al nostro candidato, Maurizio Dipietro, abbiamo scardinato il ‘sistema-ennese’ del Pd, determinati ad aprire ora una nuova stagione di sviluppo economico, sociale e culturale per la città. Forza Italia vince da Barcellona Pozzo di Gotto, a Licata, a Tremestieri Etneo, mentre il PD scompare nelle sue roccaforti delle province di Caltanissetta e Enna. I risultati ottenuti in queste ore da Forza Italia in Sicilia, che seguono quelli altrettanto importanti raggiunti nel nord del Paese, ci devono spingere ad andare avanti nella direzione di un rinnovamento vero, di rafforzamento dell’area di centrodestra, di rilancio del nostro movimento sull’Isola. Forza Italia, da domani, in Sicilia, anche attraverso nuova classe dirigente si rinnova, per affrontare con vigore le prossime sfide, vincere altri capoluoghi di provincia e la Regione, per dare la spallata al PD, ed essere ancora una volta determinante alle prossime nazionali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni comunali, ballottaggio a Carini: Monteleone eletto sindaco

PalermoToday è in caricamento