Capaci, contro il voto di scambio pattuglie della legalità M5S

"Filmarli per fermarli", il motto degli attivisti. Il candidato sindaco Salvino: "Filmeremo le irregolarità in strada. In passato consensi scambiati perfino con lavatrici"

“Filmarli per fermarli”  è lo slogan con cui numerosi attivisti e sostenitori Cinque Stelle, armati di smartphone e videocamere perlustreranno a partire dalla 22 i quartieri popolari più disagiati di Capaci nei giorni immediatamente antecedenti le consultazioni  per le elezioni amministrative.
Sono le “pattuglie delle legalità”, che cercheranno di "mettere un freno al dilagante fenomeno del voto di scambio, al quale Capaci non sarebbe assolutamente immune, anzi", si legge in una nota del Movimento.

LEGGI ANCHE: AMMINISTRATIVE, TUTTI I COMUNI AL VOTO

“Qui – afferma Pietro Salvino, il candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle  -  la pratica del voto in cambio di qualcosa  è una realtà consolidata. In passato – è cosa risaputissima - per catturare i consensi si è arrivati a distribuire perfino elettrodomestici. Dobbiamo mettere fine a queste pratiche. Le pattuglie non risolveranno certo il problema, ma potranno, forse, fungere da deterrente”. Sempre sul fronte della legalità il Movimento di Capaci ha intanto avviato le procedure interne per la sottoscrizione del protocollo di Addiopizzo,  i cui obiettivi coincidono con quelli del Movimento Cinque Stelle.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Incidente mortale in viale Croce Rossa, automobilista travolge e uccide una donna

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Distributore aumatico rotto e sangue ovunque, furto "splatter" all'università

Torna su
PalermoToday è in caricamento