Mercoledì, 22 Settembre 2021
Igor Gelarda
Politica

Elezioni in Sicilia, appello a Musumeci: "Avvicinarsi a Miccichè e Cuffaro è una resa incondizionata"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Avvicinarsi agli eredi di Miccichè e Cuffaro ritenendo che possano rappresentare il futuro della Sicilia è un resa incondizionata. Un uomo con certi valori, retto sui suoi valori, non può accettarlo”. L’appello arriva da Igor Gelarda, responsabile regionale enti locali della Lega, dopo le parole pronunciate a Catania dal presidente della Regione, Nello Musumeci, al congresso regionale del suo movimento.

“Ci rivolgiamo - dice Gelarda - ai tanti amici di Diventerà Bellissima senza indicazioni per le prossime elezioni europee: le porte della Lega sono aperte a chi crede nei valori dell'onesta, nel rispetto delle regole, nella valorizzazione dei territori e delle tradizioni. Se c’è da lavorare, lavoreremo. Se c’è da combattere, combatteremo. Non si può restare fuori dall'Europa - aggiunge l'esponente del Carroccio - . Non è una questione di stare al centro o a destra. La questione semmai è avere voglia di restare in campo a combattere. Fino alla fine. Non cedere di un passo di fronte a drammi della nostra terra”. 

“Adesso più che mai - dice ancora Gelarda - mentre sembra che tutto venga tradito, bisogna dire con forza che la Lega c’è. È presente per quanti non temono il lavoro e le fatiche da affrontare per salvare la Sicilia, per quanti non credono alle fughe al centro come soluzione di ogni inadeguatezza, per quanti sono disponibili a rimanere a lottare senza paura, a viso aperto. Tantissimi elettori di destra siciliani - conclude Gelarda - oggi più che mai si ritrovano senza una casa, oggi in qualche modo sono più traditi di ieri. A loro vogliamo dire - conclude Gelarda - che la Lega c’è. E non molla”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni in Sicilia, appello a Musumeci: "Avvicinarsi a Miccichè e Cuffaro è una resa incondizionata"

PalermoToday è in caricamento