Sabato, 31 Luglio 2021
Politica

Regionali, Letta vuole allargare la coalizione e boccia il governo Musumeci: "E' inadeguato"

"Ce la metteremo tutta per mettere in campo una proposta autorevole e forte". Provenzano per la presidenza della Regione? "Dovete chiedere a lui". Così il segretario nazionale del Pd, che lancia un appello al governo nazionale sul tema dei Comuni siciliani in dissesto: "Il Pnrr è la grande occasione per il rilancio del Paese e del Mezzogiorno"

Enrico Letta (foto Ansa)

"Governo regionale totalmente inadeguato, a partire dalla gestione dell’emergenza Covid. Il nostro è un giudizio molto negativo". Lo ha detto il segretario nazionale del Pd, Enrico Letta, che in vista delle prossime elezioni regionali vuole allargare la coalizione. "Ce la metteremo tutta per mettere in campo una proposta autorevole e forte e in questo senso vogliamo allargare la nostra coalizione e la nostra proposta - ha aggiunto -. Le agorà democratiche sono rivolte a tutti coloro che hanno voglia, insieme a noi, di costruire idee nuove e un quadro nuovo per il futuro di questa Regione".

In campo per la Sicilia c'è l'ipotesi di una candidatura del suo vice Peppe Provenzano alla presidenza della Regione: "Dovete chiedere a lui - ha detto Letta indicando l'ex ministro, originario di Milena (Caltanissetta) - Guardate, si è nascosto dietro".

Il segretario dem ha poi lanciato appello al governo nazionale sul tema dei Comuni siciliani in dissesto, tema sollecitato dal sindaco Leoluca Orlando. "Il dissesto dei Comuni siciliani rappresenta un'emergenza nazionale. Da Palermo voglio lanciare un appello al governo nazionale per dire che il Pnrr, che è la grande occasione per il rilancio del Paese e del Mezzogiorno, ha alcune condizioni per essere applicato, una di queste è che i Comuni funzionino perché se gli enti locali sono al dissesto non c'è possibilità alcuna", ha concluso Letta. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali, Letta vuole allargare la coalizione e boccia il governo Musumeci: "E' inadeguato"

PalermoToday è in caricamento