rotate-mobile
Lunedì, 3 Ottobre 2022
Come si vota

Elezioni regionali: 4,5 milioni di siciliani chiamati alla urne, il fac simile della scheda

Domenica 4 milioni e mezzo di persone saranno chiamate alle urne per votare il presidente della Regione. Mille candidati si contenderanno i 70 posti da deputati dell'Ars. Lo scrutinio delle schede sarà effettuato lunedì 26 settembre a partire dalle 14

Domenica 25 settembre, insieme alle elezioni politiche, dalle 7 alle 23 i residenti in Sicilia potranno votare anche per l'elezione del presidente della Regione e per il rinnovo dell'Assemblea regionale Siciliana. Gli aspiranti alla poltrona di governatore sono sei, le liste 137 e i candidati a diventare deputati dell'assemblea sono oltre mille per appena 70 seggi da assegnare.

Le operazioni di voto si svolgeranno nella sola giornata di domenica, dalle 7 alle 23. Lo scrutinio delle schede sarà effettuato lunedì 26 settembre a partire dalle 14.

Chi sono i candidati alla presidenza della Regione 

  • Renato Schifani è sostenuto da Forza Italia, Fratelli d’Italia, Prima l’Italia – Salvini Premier, Popolari e autonomisti, DC Democrazia Cristiana. Inizialmente Nello Musumeci (Fdi) aveva annunciato di volersi ricandidare ma Lega e Forza Italia si sono opposte duramente. Schifani, palermitano, ex esponente democristiano passato a Forza Italia nel 1995, è stato presidente del Senato dal 2008 al 2013. Lasciò il partito di Berlusconi, divenuto nel frattempo Popolo della Libertà, nel 2013 aderendo al Nuovo centrodestra dell’ex ministro della Giustizia Angelino Alfano. Nel 2016 è tornato nella rinata Forza Italia.Renato Schifani-2-2
  • Caterina Chinnici da Partito Democratico e Cento passi per la Sicilia. Chinnici è la figlia di Rocco Chinnici, il magistrato creatore del pool antimafia di Palermo ucciso con un’autobomba il 29 luglio 1983. Il 23 luglio aveva vinto le elezioni primarie cui aveva preso parte anche la candidata dei 5 Stelle, Barbara Floridia, e Claudio Fava, candidato del movimento I Cento Passi.Caterina Chinnici-2-2-2
  • Nuccio Di Paola ex capogruppo M5s nell’assemblea siciliana, è stato candidato dal Movimento 5 stelle dopo la rottura dell'alleanza con il Pd.Nuccio Di Paola-2-2-2
  • Gaetano Armao, ex assessore della giunta Musumeci, è il candidato di Azione-Italia viva.armao-18
  • Cateno De Luca è il candidato indipendente sostenuto Sicilia Vera, De Luca Sindaco di Sicilia – Sud chiama Nord: Orgoglio Siculo con Cateno, Basta Mafie, Terra d’Amuri, Giovani Siciliani, Autonomia Siciliana, Impresa Sicilia, Lavoro in Sicilia. Personaggio spesso sopra le righe, già sindaco di Fiumedinisi e di Messina, è diventato decisamente popolare per i suoi comizi e le sue uscite come quella volta che si spoglio in assemblea regionale e quando portò una moto da enduro dentro al comune di Messina. CATENO DE LUCA-3
  • Eliana Silvia Saturnia Esposito, detta Eliana, è sostenuta dalla lista “Siciliani Liberi”.Eliana Silvia Saturnia Esposito-2-2

Come si vota

Il sistema elettorale prevede un solo turno: i 4.606.564 cittadini siciliani si troveranno davanti ad una unica scheda ma l'elettore dispone di due voti: uno per la scelta della lista regionale, il cui capolista è candidato alla carica di Presidente della Regione, l'altro per la scelta della lista provinciale e in questo caso si può esprimere la preferenza per uno dei candidati alla carica di deputato regionale. Nel caso in cui non venga espresso alcun voto per una delle liste regionali, il voto validamente espresso per una lista provinciale si estende automaticamente anche alla lista regionale collegata.

È prevista la possibilità di esprimere il voto disgiunto. L'elettore può votare una lista regionale e una lista provinciale non collegate fra loro. Quindi è possibile, tecnicamente, esprimere una preferenza per un deputato all'Ars e una preferenza per un candidato alla Presidenza della Regione appartenente a uno schieramento politico differente.

Per l'elezione dei 70 deputati dell'Assemblea regionale siciliana (Ars) viene adottata la seguente ripartizione: 62 seggi sono attribuiti con il sistema proporzionale puro e soglia di sbarramento al 5 per cento a livello regionale (16 a Palermo, 13 a Catania, 8 a Messina, 6 ad Agrigento, 5 a Siracusa e a Trapani, 4 a Ragusa, 3 a Caltanissetta e 2 a Enna); un seggio spetta al candidato governatore arrivato secondo nelle preferenze; un seggio spetta al candidato alla presidenza della Regione eletto; sei seggi vengono assegnati all'interno della lista regionale del candidato presidente (cosiddetto listino). È una lista bloccata che funziona da premio di maggioranza e consente alla coalizione collegata al Presidente della Regione eletto di ottenere al massimo 42 seggi all'Ars.

I seggi non utilizzati sono distribuiti, con criterio proporzionale, alle liste di minoranza che abbiano superato lo sbarramento. È proclamato presidente della Regione il capolista della lista regionale che ottiene il maggior numero di voti validi.

E' proclamato Presidente della Regione il capolista della lista regionale che ottiene il maggior numero di voti validi. Domenica 25 settembre, all'interno del portale elezioni.regione.sicilia.it, sarà fornito il dato di affluenza alle urne relativo alle ore 12, 19 e 23 (orario di chiusura dei seggi). Lunedì 26 settembre, invece, i dati relativi alle operazioni di scrutinio, man mano che verranno trasmessi al dipartimento delle Autonomie locali dalle prefetture territorialmente competenti, saranno immessi sul sistema Idec (realizzato con la collaborazione dell'assessorato dell'Economia e della società Sicilia digitale), elaborati dal programma e pubblicati sul portale elezioni.regione.sicilia.it, in modo da assicurare un aggiornamento in tempo reale. I risultati ufficiali saranno proclamati dagli appositi Uffici centrali circoscrizionali, costituiti presso i Tribunali dei nove Comuni capoluogo, e dall'Ufficio centrale regionale, costituito presso la Corte d'Appello di Palermo

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni regionali: 4,5 milioni di siciliani chiamati alla urne, il fac simile della scheda

PalermoToday è in caricamento