Mercoledì, 16 Giugno 2021
Politica Tribunali-Castellammare

Elezioni in Sicilia, riflessioni di Dario Miccheli

Il parere del Segretario Generale del Sindacato Sicel sul risultato della tornata elettorale nell'Isola

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Ieri sera ascoltavo e vedevo le varie trasmissioni televisive riguardanti le elezioni siciliane e mi sono commosso. Era incredibile vedere che i convenuti riflettevano su tutto l'accaduto, senza prendere in considerazione il vero dato obbiettivo, la caduta, prevista e prevedibile , della credibilità dei politici, l'astensionismo.

Quanto rumore fa il silenzio di chi cova il rancore? Quanto forte è il vento che tira quando il silenzio disperato diventa negazione? Quanto è forte la rabbia di chi abiura il diritto di scegliere, catalogando il tutto come drammaticamente uguale? Questa è la chiave di lettura di quello che è successo in Sicilia, un voto politico chiaro e forte, un no totale senza remissioni un messaggio senza possibilità di riscatto, avete stufato e non solo per la messe del movimento cinque stelle ma, soprattutto, per l'astensionismo.
 
Tutti bocciati, tutti senza futuro i politici di mestiere, con un vincitore che non sa come governare e un'opposizione che è comunque delegittimata da quasi il sessanta percento di astensioni. Il popolo non perdona l'incapacità e le ruberie, la recessione e la disoccupazione, la mancanza di futuro non solo per chi vorrebbe lavorare, ma anche per chi ora lavora.
 
Nei programmi dei partiti non c'è vera soluzione ai problemi di chi è disoccupato e di chi, pur lavorando, non arriva più a fine mese. Le elezioni siciliane sono il primo atto di vendetta del popolo nei confronti di chi è stato solo capace di abiurare ai loro poteri e li ha sottoposti a subire quella pressione fiscale che ci sta uccidendo, è assurdo morire di tasse, il governo monti e il drammatico, trasversale appoggio di maggioranza e opposizione al governo tecnico, ha dimostrato l' incapacità dei partiti a guadagnarsi gli esosissimi stipendi parlamentari, dimostrando l'inutilità degli stessi e ha scatenato negli elettori, la voglia di mandarli finalmente a lavorare sul serio e non sulle nostre tasche e sulle nostre vite come hanno fatto fino ad ora.
 
Si è alzato il vento, non si fermerà, spazzerà via tutte le fogli morte di questa repubblichetta di vassalli e valvassori, di corrotti e corruttori, eliminando la possibilità di vivere alle spalle dei cittadini, il vento tira e s'ingrossa come un mare in tempesta, come un uragano omicida pronto ha purificare il marcio spazzandolo via.
 
Vento di popolo, vento di Dio.
 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni in Sicilia, riflessioni di Dario Miccheli

PalermoToday è in caricamento