rotate-mobile
Verso le comunali

Rita Barbera rifiuta le avances dei partiti: "Ho detto no al centrosinistra, obiettivo ballottaggio"

L'ex direttrice di Pagliarelli e Ucciardone ha presentato la lista che la sosterrà alle elezioni: è formata da professionisti, ma anche docenti e studenti neo-laureati quasi tutti al debutto in politica

"Il centrosinistra mi ha cercata e mi ha chiesto di rinunciare alla corsa a sindaco per sostenere Franco Miceli, promettendomi un posto in una lista per il Consiglio, ma io ho detto 'no'. La mia è una candidatura civica che è forte solo se resta coerente e così sarà durante tutta questa campagna elettorale". Ha rifiutato le avances dei partiti - non solo di centrosinistra ("C'è stato stranamente pure qualche abboccamento a destra") - Rita Barbera, che stamattina ha presentato la lista che la sosterrà nel tentativo di scalata a Palazzo delle Aquile.

Si chiama Rita Barbera sindaca, con la "A", ed è formata da professionisti (ingegneri, architetti, medici...), ma anche docenti e studenti neo-laureati. Il più giovane è un ventiseienne. Un pezzo di società civile palermitana: quasi tutti i quaranta candidati sono al debutto in politica, anche se c'è qualcuno che in passato si è cimentato nel ruolo di aspirante consigliere. "Queste persone rappresentano quella cittadinanza attiva che poi è la cifra della mia candidatura. Abbiamo dato priorità alle qualità morali e caratteriali, senza di loro sarei una scatola vuota", ha spiegato l'ex direttrice di Pagliarelli e Ucciardone, che ha svelato anche il simbolo della sua lista, che oltre al nome contiene una rosa (la rosa di Santa Rosalia ma anche di Santa Rita) in campo bordeaux e arancione.

rita barbera presentazione lista-2

L'intenzione è di presentarne anche una seconda: "Ci tenteremo, ma non so se riusciremo a farla". L'obiettivo di Barbera è arrivare al ballottaggio e nel caso in cui non dovesse riuscirci non esclude un apparentamento. "Dipende da chi ce lo chiede - risponde - e se verranno accolte le nostre esigenze". Che poi sono quelle dell'uomo o della donna "della porta accanto", lontani dalle logiche di partito, come hanno sottolineato i candidati presenti alla conferenza stampa organizzata nel comitato elettorale allestito in un ufficio che si trova in via Notarbartolo, all'albero Falcone. Persone, appunto, che hanno deciso di appoggiare una candidatura, quella di Rita Barbera, "che si dona alla città" e "non ha interesse ad intraprendere una carriera politica", avendo scelto di "non usare le Comunali come merce di scambio per le Regionali o per qualche assessorato".

Con grande realismo, Barbera afferma: "So che nel centrosinistra, ovvero l'area che più mi è vicina, non prenderò tanti voti. So che buona parte dell'elettorato sarà condizionata dalle indicazioni dei partiti e quindi si schiererà con Miceli. Ma io non voglio convincere loro, bensì chi non vota da tanti anni, chi considera i politici tutti uguali, chi è scontento, disilluso e cerca una speranza. Il voto utile - conclude - è il più stupido dei voti che si possa dare, perché significa rinunciare al cambiamento". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rita Barbera rifiuta le avances dei partiti: "Ho detto no al centrosinistra, obiettivo ballottaggio"

PalermoToday è in caricamento