rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Elezioni comunali 2022

Gabriele Dolce annuncia la sua candidatura al Consiglio comunale con la nuova Dc di Totò Cuffaro

Dolce: “Vi illustro la mia visione del progetto di società urbana"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Si fa presto a voler “darsi” per la propria città, spesso pensando che la sola “buona fede” possa essere sufficiente per il reale cambiamento di cui abbiamo effettivamente bisogno. In tanti, negli anni, sempre nel nome di quella “buona fede” hanno instradato nella “politica” chicchessia. Non ci si inventa politici ma si perseguono percorsi teorici attraverso studi oppure tramite esperienza diretta, per chi ha militato nei partiti o nei sindacati. Oggi, personalmente, posso vantare un percorso formativo che parte dall'esperienza sindacale (da 14 anni) nonché una serie di studi politici (tra cui il XV Corso "Enzo Fragalà" dell'Accademia Nazionale della Politica ed il Corso di Studi Europei dell'I.ME.S.I.) che mi hanno fornito gli strumenti per poter scendere in campo per la Città di Palermo e mettere al servizio della comunità cittadina quanto appreso.

Anche la mia formazione lavorativa presso l’Ospedale Giglio di Cefalù (da 16 anni) è parte integrante di questa crescita, avendo vissuto i grandi progetti lavorativi con il San Raffaele del Monte Tabor prima, ed oggi con la partnership con il Gemelli di Roma, in una realtà considerata da quasi due decenni un'eccellenza per tutto il sud Italia. In più, in virtù di queste esperienze, da due anni sono presidente del Comitato Efesto, comitato regionale che si occupa della promozione dei principi e dei valori della Sicilia e dei siciliani. Non mi limiterò, ovviamente, a promuovere la mia figura (come ogni buona campagna elettorale pretenderebbe) ma sarà il programma personale che ho redatto a descrivere ciò che ritengo necessario costruire in relazione alla visione del progetto di società urbana che ho in mente e, riprendendo le stesse parole del Presidente Totò Cuffaro, per riportare idee ed ideali all’interno della scheda elettorale. Tutti abbiamo consapevolezza di cosa non vada bene a Palermo; e non parlo di questioni materiali bensì culturali, perché, ad oggi, il vero impoverimento di Palermo riguarda la cultura civica.

Cultura civica che non troviamo né nel cittadino né negli amministratori, che sono lo specchio della nostra società. Ciò detto, le lamentele stanno a zero ed è il momento di essere propositivi, perché la critica fine a se stessa è, troppo spesso, sinonimo di vuoto. Ciò che propongo è una base di programma con proposte serie e concrete, qualcosa che possa essere svolto nell’arco di un quinquennio. Ma non mi limito a questo, perché l’invito vero e proprio è rivolto alla cittadina, con la richiesta di collaborare attivamente allo sviluppo delle idee già presenti nel mio programma personale, con nuove proposte e progetti da integrare e sviluppare insieme. Il fine è quello: traghettare Palermo verso il terzo millennio, alla pari con le grandi città europee, dove sicurezza, bellezza e vivibilità siano il fulcro di una Palermo adatta al benessere di tutti, da qui lo slogan: Palermo per tutti! Piccoli e grandi interventi sono alla base di questo progetto, dal rifacimento del manto stradale alle grandi opere (come il porto hub che farebbe di Palermo la porta dell’Europa per le nazioni che si affacciano sul Mediterraneo). Questi e tanti altri progetti ed idee sono alla base dei motivi della mia candidatura al Consiglio Comunale di Palermo al fianco della nuova DC di Totò Cuffaro a sostegno di Roberto Lagalla sindaco, con l’invito alla cittadinanza palermitana di leggere e condividere il programma proposto e, alle elezioni amministrative del 12 giugno 2022 sulla scheda azzurra, a barrare il simbolo della Nuova DC e scrivere DOLCE.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gabriele Dolce annuncia la sua candidatura al Consiglio comunale con la nuova Dc di Totò Cuffaro

PalermoToday è in caricamento