rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Elezioni comunali 2022

Da Zingaretti sì al campo largo per le Comunali: dopo il "no" di Orlando ai renziani, perplessità pure dal M5S

Per l'ex segretario nazionale del Pd, bisogna "costruire la più ampia unità possibile". Tiene banco però l'allargamento della coalizione a Italia Viva. Il pentastellato Trizzino: "E' un problema dei dem, che devono fare pace con loro stessi"

"Non siamo stati con le mani in mano: mi sembra che si stiano affermando dei principi corretti. Dialogo, incontro, confronto, voglia di unità e buone candidature sono poi i presupposti per arrivare a una sfida competitiva e potenzialmente vincente". Nicola Zingaretti, ex segretario nazionale del Partito democratico, interviene così sulle elezioni comunali a Palermo. Il presidente della Regione Lazio, che ieri in città ha partecipato alle Agorà democratiche del Pd, benedice il "campo largo". 

"Si esce da una lunga stagione di governo e adesso bisogna aprirne un'altra - ha aggiunto - ed è giusto che ogni passo sia ponderato dalla voglia di tentare di costruire la più larga unità possibile". C'è però da recuperare il tempo perduto: "No, non siamo in ritardo. Stiamo uscendo dalla vicenda della pandemia e in queste settimane siamo stati coinvolti emotivamente, con la mente e con il cuore, nelle vicende della guerra. C'è un processo delicato che va avanti. D'altronde è anche vero l'opposto, cioè spesso per correre si distrugge tutto e poi si perdono le elezioni. Io credo che dare attenzione all'ascolto e costruire insieme - ha concluso Zingaretti - sia la strada vincente".

Il via libera al tentativo di allargargamento a Italia Viva, Azione e +Europa, emerso nella direzione regionale del Pd di venerdì scorso, incontra però più di una resistenza all'interno della coalizione. Dopo il "no" del sindaco Leoluca Orlando ai renziani arrivano anche le perplessità del pentastellato Giampiero Trizzino: "Il fatto che il Pd abbia chiuso le porte a un allargamento eccessivo del campo ci sta bene, su Italia Viva abbiamo la nostra posizione come ce l'ha anche Orlando: ma secondo me è un problema che riguarda il Pd, devono fare pace con loro stessi e capire cosa devono fare con Italia Viva".

"L’allargamento a Italia Viva - insiste il deputato regionale del M5S - non è un problema della coalizione, ma del Pd in cui convive una parte favorevole e il sindaco che ha le sue buone ragioni per dirsi contrario". All'interno del Movimento 5 Stelle posizioni critiche anche su Azione dopo il siì del segretario regionale Giangiacomo Palazzolo ai termovalorizzatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Zingaretti sì al campo largo per le Comunali: dopo il "no" di Orlando ai renziani, perplessità pure dal M5S

PalermoToday è in caricamento