rotate-mobile
Centrodestra

Caos totale nel centrodestra, Fi e Lega trovano l'intesa su Cascio sindaco ma Scoma si sfila da vice

L'annuncio in una nota congiunta dei leader regionali dei due partiti Miccichè e Minardo: "Un ticket che vincerà a Palermo risollevando la città dal disastro finanziario e sociale in cui è precipitata negli ultimi 5 anni". Ma il deputato del Carroccio non accetta

L'annuncio che sembrava far intravedere segnali di distensione nel centrodestra è durato meno di un pomeriggio. Nel giro di poche ore, prima il segretario regionale della Lega in Sicilia e il coordinatore di Forza Italia nell'Isola, Nino Minardo e Gianfranco Miccichè, lanciano il ticket Cascio-Scoma per la corsa a sindaco di Palermo, poi lo stesso Scoma si sfila.

Ecco come sono andate le cose. "Francesco Cascio sindaco e Francesco Scoma vicesindaco. Un ticket che vincerà a Palermo risollevando la città dal disastro finanziario e sociale in cui è precipitata negli ultimi 5 anni", hanno annunciato in una nota congiunta i leader regionali di Fi e Lega. "Una scelta condivisa dalla Lega-Prima l'Italia e da Forza Italia che sancisce la fine di settimane di sterili polemiche e che consente di avviare in tempo - hanno spiegato Minardo e Miccichè - una campagna elettorale convincente e di alto livello. Una scelta che, ne siamo convinti, unirà ancora di più il centrodestra evitando frammentazioni autolesionistiche e incomprensibili per i cittadini. Ai palermitani servono forma e sostanza per rigenerarsi assieme alla loro città con amministratori validi, esperti, preparati. Il futuro vicesindaco Francesco Scoma, che ringraziamo in particolare per il grande senso di responsabilità, e il futuro sindaco Francesco Cascio sono le figure che garantiranno la rinascita di Palermo nel segno del buon governo".

Proclami spazzati via dal quasi immediato intervento di Scoma: "Ringrazio la Lega e il segretario regionale Minardo per la fiducia ma non intendo accettare il ticket proposto con l’amico Francesco Cascio. Intendo proseguire il mio impegno come parlamentare nazionale e lasciare spazio ad altre figure della Lega a Palermo che potranno essere indicate nel ruolo propostomi. Assicurerò il mio pieno e convinto sostegno a tutta la coalizione per la campagna elettorale che mi vedrà comunque in prima linea per dare un nuovo volta alla città", ha dichiarato il deputato della Lega.

Un rifiuto che, però, secondo quanto dichiarato da Minardo non mette in pericolo l'intesa raggiunta fra azzurri e leghisti. "Il ticket Forza Italia-Prima l'Italia resta. Era giusto passare la preferenza al candidato che avevamo indicato ma se Scoma non accetta troveremo una validissima alternativa. Il ticket si fa e noi indicheremo il vicesindaco", ha detto Minardo all'Adnkronos.

Cascio ha comunque incassato la fiducia: "Sono contento perché la situazione si è sbloccata, io lo sapevo e se ho chiesto a Gianfranco (Miccichè, ndr) di accelerare e perché sentivo che sul mio nome potevamo trovare una convergenza. Era saggio e opportuno metterci insieme, ma questo è solo il primo passo. Non ci fermeremo qui: puntiamo a coinvolgere tutto il centrodestra", ha detto il candidato azzurro all'Adnkronos.

Una coalizione di cui Forza Italia e Lega, secondo Cascio, sono solo i primi tasselli. "Nelle prossime ore mi farò carico di chiamare tutti quelli che non fanno ancora parte di questa coalizione e spero di riuscire a portare su questa alleanza, che già parte solida, tutte le posizioni. Questo è soltanto un mezzo, il fine salvare questa citta e quanti più siamo meglio è". Lo sguardo si rivolgerà prima ai partiti del centrodestra, Fratelli d'Italia in testa - contattate dall'Adnkronos, fonti di FdI hanno fatto sapere di non aver ancora ricevuto alcuna proposta dal tandem Lega-FI -, poi anche gli altri. E venerdì mattina intanto dovrebbe essere il giorno della presentazione ufficiale della candidatura dell'ex presidente dell'Ars. 

Le reazioni

"Forza Italia, primo partito della coalizione, punta su Francesco Cascio per la carica di sindaco di Palermo. Per favorire una sintesi che possa far uscire il centrodestra dallo stallo attuale il partito mette questa candidatura a disposizione degli alleati. Auspichiamo una larga convergenza così da presentare una proposta unitaria agli elettori", dichiara il capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale, Giulio Tantillo.

"Un pezzo importante di centro-destra ha trovato un accordo serio e stabile. Cascio, persona di grandi capacità  e di grande esperienza, potra contare sulla forza e sulle capacità del partito di Matteo Salvini. Abbiamo tutte le carte in regola, adesso, per riconquistare la città, toglierla dalle mani del centrosinistra che l ha devastata e farla rinascere", afferma Igor Gelarda capogruppo a Sala delle Lapidi di Lega-Prima l'Italia.

(Articolo modificato alle 16.34 del 16 aprile 2022 // Aggiunto l'intervento di Francesco Scoma)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos totale nel centrodestra, Fi e Lega trovano l'intesa su Cascio sindaco ma Scoma si sfila da vice

PalermoToday è in caricamento