Sabato, 20 Luglio 2024
Politica Calatafimi / Via Vincenzo li Muli

"Segretaria, lo vuole il caffè?": siparietto per Elly Schlein prima del tour elettorale

Al termine della cerimonia di commemorazione di Pio La Torre e Rosario Di Salvo, una donna che abita in via Vincenzo Li Muli ha invitato il segretario nazionale a raggiungerla in casa. Dopo uno scambio di battute Schlein è partita per fare tappa a Ragusa, Siracusa e Catania dove si vota per le amministrative

Simpatico fuoriprogramma per la segretaria del Partito democratico, Elly Schlein, oggi a Palermo per commemorare Pio La Torre e Rosario Di Salvo. Al termine della cerimonia che si è tenuta in via Vincenzo Li Muli, la signora Silvana Cusimano, una donna che abita di fronte alla lapide che ricorda il segretario del Partito comunista italiano e il suo autista, ha invitato la segretaria del Pd a raggiungerla in casa. "Segretaria, lo vuole il caffè?" Invito accolto da Schlein che ha conversato brevemente con la donna preferendo poi un succo di frutta.

Schlein caffe donna commemorazione Pio La Torre

Per Elly Schlein un incontro di pochi minuti con la ospitale famiglia palermitana prima di proseguire il tour siciliano che la vedrà nelle prossime ore a Ragusa, Siracusa e Catania. La segretaria del Pd sarà per due giorni nell'Isola. Dopo l'appuntamento di oggi in via Li Muli, con al suo fianco il segretario regionale Anthony Barbagallo e il segretario provinciale di Palermo Rosario Filoramo, Schlein si sposterà nella Sicilia orientale per un giro elettorale nelle principali città chiamate al voto per le amministrative.

Alle 14.30 è andata a Ragusa per incontrare il candidato sindaco Riccardo Schininà; alle 16.30 a Siracusa con il candidato Renata Giunta. Alle 18 a Catania appuntamento con il candidato sindaco Maurizio Caserta. Domani, Primo maggio, Schlein, sempre accompagnata da Barbagallo, prenderà parte al tradizionale corteo che si tiene a Portella della Ginestra, dove nel 1947 gli uomini guidati dal bandito Salvatore Giuliano spararono contro i contadini che sfilavano per la festa dei lavoratori.

In questi giorni la segretaria nazionale ha dovuto affrontare le fibrillazioni interne al partito dopo il cambio di casacca dell'eurodeputata Caterina Chinnici, candidata del centrosinistra alle scorse regionali nella sfida persa con Renato Schifani e oggi passata tra le fila di Forza Italia. Un cambio commentato duramente dal segretario regionale Barbagallo: "Proprio lei, figlia di Rocco, il fondatore del pool antimafia ucciso con una autobomba da Cosa nostra nel partito di chi andava a braccetto con i Graviano! Proprio lei, che dal Pd aveva preteso e ottenuto - aveva detto qualche giorno fa - l’esclusione dalle liste non solo di imputati ma anche degli indagati! Fino a ieri erano soltanto rumors e lo ritenevo stupefacente, solo fantapolitica. Dopo aver letto le sue parole virgolettate - conclude - sono basito, incredulo e perfino disgustato".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Segretaria, lo vuole il caffè?": siparietto per Elly Schlein prima del tour elettorale
PalermoToday è in caricamento