Davide Faraone
Politica

Faraone punzecchia Orlando: "Caro sindaco, nel Dl Sostegni prevista riduzione della Tari"      

Istituito un fondo di 600 milioni per il 2021 riservato alle categorie colpite da chiusure obbligatorie o restrizioni. Il capogruppo in Senato di Italia Viva: "Commercianti ed imprenditori sono in grande difficoltà, le tasse non si aumentano"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Caro sindaco Leoluca Orlando, ti inviterei a leggere ed imparare a memoria l’articolo 6 del Dl Sostegni approvato ieri in Consiglio dei ministri ed ispirato tra gli altri da Italia Viva”. Così il capogruppo in Senato di Italia Viva, Davide Faraone, punzecchia il primo cittadino

"Ti agevolo il lavoro - prosegue - l’articolo 6 prevede che al fine di attenuare l’impatto finanziario sulle categorie economiche interessare dalle chiusure obbligatorie o dalle restrizioni è istituito un fondo di 600 milioni per il 2021 finalizzato alla concessione da parte dei comuni di una riduzione della Tari. I Comuni a loro volta potranno concedere ulteriori riduzioni in misura superiore alle risorse di 600 milioni a valere su proprie risorse".

"C'è il Covid, lo sai Sindaco?", continua Faraone. "Commercianti ed imprenditori sono in grande difficoltà: le tasse si tagliano, non si aumentano. Mentre tu, caro sindaco, mandi in votazione in Consiglio comunale una delibera che aumenta la Tari per i palermitani, naturalmente soltanto per il 60% che già la paga; mentre chi evade continuerà a fischiettare beatamente. Peraltro basta girare per le strade della nostra città per vedere quanto siano sporche, per comprendere che l’aumento non è nemmeno giustificato da un servizio efficiente". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Faraone punzecchia Orlando: "Caro sindaco, nel Dl Sostegni prevista riduzione della Tari"      

PalermoToday è in caricamento