Bellolampo, superato lo stallo: sì ai rifiuti nella sesta vasca

Un'ordinanza sindacale prevede il trasferimento temporaneo di 7.500 metri cubi di immondizia non trattata e la Regione ha dato il via libera all'abbancamento di 25.000 tonnellate di rifiuti trattati. Orlando: "Importanti segnali di sintonia e capacità di lavoro comune fra le istituzioni per superare emergenza"

Scongiurare l'emergenza rifiuti in città. Rispondono a questo scopo due provvedimenti arrivati oggi: uno dal Comune e l'altro dalla Regione. Da un lato un'ordinanza del sindaco, sulla scorta del parere positivo dell'Arpa, prevede il trasferimento temporaneo di 7.500 metri cubi di immondizia non trattata sulla sommità della VI vasca della discarica di Bellolampo. Dall'altro, l'assessorato regionale all'Energia ha dato il via libera all'abbancamento di 25.000 tonnellate di rifiuti trattati nella stessa vasca nelle zone con avvallamenti in vista della sagomatura finale. Così si potrà liberare il piazzale dai rifiuti accumulati che, di fatto, impediscono all’impianto di Tmb di funzionare a dovere. Dal canto suo, la Rap si impegna a riattivare il Tmb nell'arco di una settimana circa. 

L'ordinanza di Orlando dispone "il ricorso temporaneo a speciali forme di gestione dei rifiuti per garantire il corretto smaltimento degli stessi presso la Piattaforma Impiantistica di Bellolampo, in deroga alle disposizioni del Testo Unico Ambiente per un periodo di sei mesi". Duplice la finalità: l'eliminazione – anche parziale - delle attuali giacenze di rifiuti di sottovaglio presso la Piattaforma ed il ripristino del regolare funzionamento dell'impianto di Tmb.

Il sindaco parla di "due importanti segnali di sintonia e capacità di lavoro comune fra le istituzioni". "Speriamo - aggiunge - siano il punto di inizio non solo per superare l'emergenza a Bellolampo, ma soprattutto per recuperare in tutta la città con un sistema a regime che sempre più si avvii verso la differenziata in modo significativo".

"È stato un lavoro lungo e certosino che ha coinvolto gli uffici del Comune e della Regione, la Rap e l'Arpa - sottolinea l'assessore all'Ambiente Sergio Marino - perché finalmente si sbloccasse una situazione difficilissima che da Bellolampo ha rischiato di arrivare in città. Una situazione che ha inevitabilmente ingenerato tensione ma nella quale tutti hanno e abbiamo operato esclusivamente proprio per scongiurare un'emergenza igienico-sanitaria in città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: in Sicilia negozi chiusi la domenica e nei festivi

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Incidente al drive in della Fiera, malore dopo il tampone: marito e moglie con auto contro il muro

Torna su
PalermoToday è in caricamento