menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nicasio Di Cola

Nicasio Di Cola

Si dimette il sindaco di Caccamo: "Meglio tutelare la mia dignità"

Nicasio Di Cola lascia dopo uno scontro con il Consiglio comunale: "Mi hanno chiesto l'azzeramento dell'intera Giunta e la nomina di quattro nuovi assessori esterni"

Dimissioni per il sindaco di Caccamo, Nicasio Di Cola. La decisione è stata annunciata dallo stesso primo cittadino con un post su Facebook: "Ho rassegnato le dimissioni da sindaco - scrive -. E' stata una decisione sofferta ma necessaria per porre fine allo scontro con il consiglio comunale. Si è tentato di raggiungere un accordo per completare i due anni che mancano per concludere il mandato elettorale per il bene della cittadinanza - racconta -. Mi è stata avanzata una proposta dal Consiglio che prevedeva l'azzeramento dell'intera Giunta e la nomina di quattro nuovi assessori esterni, scelti tutti dal consiglio comunale".

Una proposta ritenuta "inaccettabile" da Di Cola, che guida l'Amministrazione dal 2017: "Avrei dovuto sacrificare gli assessori attuali che hanno lavorato con impegno e sacrificio per dare spazio a delle persone con le quali avrei dovuto amministrare con la prospettiva di essere condizionato nelle scelte e per nome e per conto di quel consiglio comunale che ha usato espressioni offensive e denigratorie nei miei confronti". Da qui la decisione: "Tra la velleità di continuare a fare il sindaco e di tutelare la mia dignità di uomo ho preferito la seconda ipotesi, ponendo fine a una situazione non più sostenibile".

Sul caso intervengono il presidente dell’Unione delle Madonie. Pietro Macaluso. e tutti i sindaci che "esprimono la loro solidarietà a Di Casio per le sue dimissioni".  "Voglio ringraziare a nome mio e di tutti i sindaci dell’Unione delle Madonie – dichiara Pietro Macaluso – il collega Di Casio per la collaborazione e per l’impegno che ha dimostrato quotidianamente. Ci è dispiaciuto apprendere delle sue dimissioni ed esprimiamo tutta la nostra solidarietà al sindaco e all’uomo che per difendere il suo operato e porre fine allo scontro con il Consiglio comunale ha preferito lasciare la carica di primo cittadino”.

Articolo aggiornato il 31 luglio 2020 alle ore 16.29

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Le mascherine per proteggere la salute dei bambini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento