Sabato, 24 Luglio 2021
Politica

Dehors, votata dal Consiglio comunale la proroga fino al 30 aprile

Regge in Aula l'accordo tra maggioranza e opposizione: prolungata l'installazione delle strutture che si trovano in strade di tipo E ed F. Dopo le elezioni nazionali le modifiche al regolamento sul suolo pubblico. Confesercenti: "Soddisfatti a metà"

La proroga per i dehors è arrivata. Puntuale con la tabella di marcia dei lavori stabilita dal Consiglio comunale. Come anticipato ieri da PalermoToday, Sala delle Lapidi ha votato il prolungamento fino al 30 aprile delle autorizzazioni alle strutture che si trovano in strade di tipo E ed F. Strutture che avevano beneficiato di una deroga sino allo scorso dicembre. Si tratta di una manciata di dehors, sostengono dal Suap.

Il regolamento sul suolo pubblico, che disciplina i dehors, non è stato toccato. Se ne parlerà dopo le elezioni nazionali. "Questa proroga - afferma Dario Chinnici, capogruppo del Partito democratico - consentirà gli uffici competenti di trovare una soluzione per un regolamento definitivo e condiviso con le associazioni di categorie. Abbiamo l'obiettivo sia di non arrecare disagio ai locali commerciali sia quello di dare regole certe affinché gli imprenditori palermitani possano svolgere la loro attività in modo sereno nel rispetto della legge". 

Secondo Chinnici, l'accordo tra maggioranza e opposizione sui dehors "è un atto di responsabilità nei confronti degli imprenditori palermitani.Vorrei fare un plauso a tutte le forze politiche presenti in Consiglio per aver votato l'emendamento all'unanimità". Adesso le commissioni competenti, in stretto contatto con gli uffici, lavoreranno alla modifica del regolamento. Su tutte è stata annunciata l'estensione dell'orario di attività all'intera giornata. 

"Dopo avere ascoltato i rappresentanti di categoria e aver preso atto delle enormi difficoltà vissute dai piccoli commercianti, troppo spesso abbandonati o peggio ancora quasi osteggiati da questa amministrazione, ho sostenuto la delibera in questione anche in Aula - dice Sabrina Figuccia, consigliere comunale dell'Udc -. In un momento di crisi come quello che la nostra città sta vivendo a causa di scelte scellerate del sempreverde Orlando, non si può pensare di penalizzare chi oggi a Palermo ha il coraggio di provare a rendere produttivo il nostro territorio. Per queste ragioni ho votato positivamente questo atto che proroga le attività fino ad aprile impegnandomi personalmente a lavorare concretamente per un nuovo regolamento che a partire da maggio dia regole certe per tutto il settore".

"La decisione del consiglio comunale di Palermo di prorogare al 30 aprile le autorizzazioni per i dehors è un provvedimento di buon senso, che evita ulteriori penalizzazioni ai commercianti e dà loro un po’ di respiro in un momento difficile come questo". A dirlo è Mario Attinasi, presidente di Confesercenti Palermo, che aggiunge: "Si tratta di una soluzione temporanea che però ci soddisfa solo a metà: bisogna infatti intervenire in modo deciso sul regolamento, che va rivisto, così da dare regole certe agli imprenditori che vogliono investire creando lavoro e ricchezza".

Sulla stessa lunghezza d'onda Alfio Zambito, presidente della Fiepet-Confesercenti Palermo, Federazione italiana esercenti pubblici e turistici, che ha partecipato ai tavoli di lavoro in cui è stato affrontato il problema delle norme che disciplinano la vita delle imprese in città. "La politica ha capito l'importanza del tema e bene ha fatto ad ascoltare tutte le associazioni di categoria - afferma -. La proroga al 30 aprile è di certo una buona notizia, ma non bisogna cullarsi. E' necessario che il consiglio comunale prosegua il confronto con le associazioni di categoria fin da subito sulle modifiche da apportare al regolamento. In quest'ottica auspichiamo la definitiva mappatura delle strutture esistenti e l'autorizzazione h24, a differenza dell'attuale dalle 20 all'1. Ciò consentirebbe agli imprenditori di lavorare al meglio - conclude Zambito - e di pianificare gli investimenti".

"Desidero ringraziare il Consiglio comunale, le commissioni Attività produttive, Urbanistica e Affari istituzionali, ma anche l’amministrazione comunale per aver provveduto in tempi brevi alla proroga dei dehors permettendo a tanti commercianti del settore di poter continuare a lavorare con serenità da qui fino al 30 aprile". Lo afferma il presidente di Ape Confcommercio Palermo Antonio Cottone. "Da questo momento, dobbiamo lavorare con gli altri rappresentanti di categoria per discutere tutti assieme un documento unico e condiviso con le proposte degli imprenditori ed operatori da presentare alle commissioni consiliari e all'amministrazione attiva. Proporremo alcune modifiche di buon senso da apportare all’attuale regolamento, in modo da programmare e pianificare con serenità gli investimenti da fare nelle nostre attività", conclude Antonio Cottone.

"La proroga dei dehors prevista dalla delibera del Consiglio - dichiarano il sindaco Leoluca Orlando e il vice Sergio Marino - serve ad avviare una revisione del regolamento che possa tenere conto sia delle esigenze di sviluppo commerciale di una città in continua crescita sia delle esigenze di coloro che chiedono, giustamente, di vivere in una città sana e tranquilla. Questo equilibrio tra diverse esigenze è una sfida che dobbiamo affrontare e risolvere nel migliore dei modi. Priorità saranno il percorso Unesco e le altre aree ad alta vocazione turistica, ma anche la necessità di tenere nel dovuto conto le esigenze di vivibilità e mobilità per tutti, anche dei cittadini con difficoltà motorie che non dovranno più trovare impedimenti invalicabili".  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dehors, votata dal Consiglio comunale la proroga fino al 30 aprile

PalermoToday è in caricamento