Mercoledì, 28 Luglio 2021
Politica

"Il decreto sicurezza annulla gli sforzi fatti per l'integrazione", il garante per l'infanzia lancia l'allarme

In città sono 140 i ragazzi e le ragazze seguiti dai tutori con una progettazione già avviata. Secondo Pasquale d'Andrea il decreto Salvini "vanificherebbe non solo il lavoro realizzato ma anche i risultati raggiunti” frutto della sinergia tra pubblico e privato

“Il decreto Sicurezza e immigrazione annulla tutti gli sforzi d’accoglienza e integrazione realizzati fino a oggi nel territorio, nei confronti dei minori stranieri non accompagnati. A Palermo sono 140 i ragazzi e le ragazze seguiti dai tutori con una progettazione già avviata. Palermo inoltre vanta un modello unico in Italia che vede la sinergia di istituzioni, enti e associazioni e il decreto Salvini vanificherebbe non solo il lavoro realizzato ma anche i risultati raggiunti”. E’ la preoccupazione del Garante per l’Infanzia e l’adolescenza del Comune, Pasquale D’Andrea, che ha indetto un’iniziativa aperta a tutta la cittadinanza e agli operatori per "individuare strategie e risorse economiche che, attraverso il canale della solidarietà, possano garantire ai ragazzi e le ragazze stranieri non accompagnati neomaggiorenni la continuità del percorso di inclusione sociale, faticosamente costruito con l'impegno di tanti ( tutori, operatori sociali e legali, rappresentanti delle istituzioni locali)".

Il Modello Palermo è un processo sperimentale diviso in fasi, collegate tra loro e definito in tempi precisi e in attuazione della legge 47/2017 “Disposizioni in materia di misure di protezione dei minori stranieri non accompagnati”, e permette al tutore volontario, nel momento in cui prende in carico il minore straniero non accompagnato, non solo di assisterlo ma anche di attuare un percorso alternativo di accoglienza e dunque di integrazione del ragazzo o della ragazza all'interno del territorio, attraverso le realtà presenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il decreto sicurezza annulla gli sforzi fatti per l'integrazione", il garante per l'infanzia lancia l'allarme

PalermoToday è in caricamento