Sabato, 12 Giugno 2021
Politica

Crocetta trova il dodicesimo assessore: Lantieri verso la Funzione Pubblica

Alla deputata ennese il presidente della Regione dovrebbe assegnare l'ultima casella rimasta vuota, salvo ripensamenti dell'ultimo momento. La nomina comunque non è ancora certa, per l'opposizione di Raciti

Luisa Lantieri

Sarà un governo un po' più rosa. Manca solo un tassello per completare il mosaico del quarto governo regionale targato Rosario Crocetta. Questione forse di ore. Il dodicesimo assessore dovrebbe essere Luisa Lantieri. Alla deputata ennese il presidente della Regione dovrebbe assegnare la delega alla Funzione pubblica, salvo ripensamenti dell'ultimo momento.

Il nuovo governo intanto ha appena fatto il suo esordio all'Ars. Ieri il presidente della Regione è andato a Sala d'Ercole per presentare la sua nuova squadra. Tra i banchi del governo c'erano gli 11 assessori nominati la settimana scorsa, al termine di un travagliatissimo giro di consultazioni tra Crocetta e le forze di maggioranza, che ha portato ad un rimpasto nel rimpasto, con la sostituzione di due nomi già annunciati.

Spazio dunque ad Antonello Cracolici, Mariella Lo Bello, Anthony Barbagallo, Bruno Marziano, Baldo Gucciardi, Alessandro Baccei, Vania Contrafatto, Maurizio Croce, Giovanni Pistorio, Gianluca Miccichè, Carlo Vermiglio. A loro (forse) va aggiunta appunto Luisa Lantieri. Il deputato di Sicilia democratica sembra un nome gradita anche ai verdianiani e andrebbe a occupare l'assessorato alla Funzione pubblica, in un momento carico di significati sia per la nuova legge sulle province che per la riforma del pubblico impiego regionale. La nomina comunque non è ancora certissima, per l'opposizione di Raciti.

Nel suo intervento in aula, Crocetta ha sottolineato come Ncd non sia entrato ufficialmente in giunta, ma abbia aderito al progetto di approvare le riforme, "e questo - ha detto il presidente della Regione -. lo ritengo un quadro nuovo nell'ambito delle alleanze". Per Crocetta si tratta di "un patto di lealtà" alla maggioranza perchè "la composizione degli assessori non può più cambiare, e un altro alle opposizioni perchè credo che ormai i sogni del voto anticipato e l'idea di fare crollare il governo non c'è più".

Quindi il governatore ha spiegato che questo governo, il quarto dall'ottobre 2012, sarà l'ultimo "di natura politica, il prossimo - ha proseguito - non potrà che essere un governo del presidente".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crocetta trova il dodicesimo assessore: Lantieri verso la Funzione Pubblica

PalermoToday è in caricamento