menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Formazione, Crocetta ai lavoratori: "Stiamo lottando per voi"

Il governatore chiede loro di "non farsi strumentalizzare aderendo a scioperi che servono solo a difendere i loro aguzzini". E afferma: "Non un solo formatore perderà il posto di lavoro, ma estrometteremo i loro sfruttatori"

"Non ci faremo intimidire. Faccio appello ai lavoratori di non farsi strumentalizzare aderendo a scioperi che non servono a tutelarli, ma a difendere i loro aguzzini". Rosario Crocetta è determinato da andare fino in fondo, senza però danneggiare alcun lavoratore della Formazione, il giorno dopo avere ufficializzato la cancellazione di 235 enti e la prossima revoca dell'accreditamento per 43 a causa di ripetute violazioni.

Lunedì è in programma una protesta davanti all'assessorato alla Formazione, ma il Governatore non ci sta: "I lavoratori stiano tranquilli, stiamo lottando per loro. Non un solo formatore perderà il posto di lavoro, ma estrometteremo i loro sfruttatori". L'avvio del procedimento di revoca nei confronti di diversi enti, spiega Crocetta, "è fatto per difendere i lavoratori, malpagati, sfruttati, utilizzati spesso dagli enti per difendere i privilegi dei padroni in una sorta di circolo parassitario. Nel nostro progetto, invece, noi riconosceremo agli addetti il giusto salario e gli restituiremo la dignità. Non tollereremo più l'esistenza di enti che non pagano i lavoratori, che si appropriano di risorse pubbliche per interessi di pochi, che non sono in grado di certificare, che fanno corsi inutili".

Parla di "cricche del parassitismo" alle quali ribadisce: "Non ci intimidite". Chi è in regola "lo dimostri con le carte e non sfrutti la buona fede dei lavoratori. Non cederemo al ricatto reazionario di coloro che vogliono continuare ad arricchirsi, sciupando le risorse pubbliche, anzi, saremo su questo fronte durissimi. Chi è in regola non deve avere paura, ma a chi non lo è dico che sono destinati a crollare i molti castelli costruiti sulle clientele e sul malaffare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento