Regione, allarme dei sindacati sul futuro degli Asu: "Governo stabilizzi questi lavoratori"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Dopo il giudizio di parificazione del rendiconto generale della Regione siciliana per l’esercizio 2018 e lo 'schiaffo' dei giudici sulla tenuta dei conti non possiamo che esprimere massima preoccupazione per il futuro degli Asu. Lavoratori da troppo tempo senza contratto, contributi e con un sussidio di 592,97 euro mensili che adesso guardano con ansia e disperazione alla fine dell’anno, avendo bisogno - ancora una volta - di una proroga che serva a programmare la loro definitiva stabilizzazione".

Così Gaetano Agliozzo e Massimo Raso della Fp Cgil Sicilia, Paolo Montera e Calogero Emanuele della Cisl Fp Sicilia e Danilo Borrelli della UilTemp Sicilia, che aggiungono: “Auspichiamo che governo e parlamento regionali mantengano gli impegni assunti con le organizzazioni sindacali definendo la prosecuzione delle attività per il triennio 2020/2022, tempo entro il quale dovrà avvenire la loro stabilizzazione. La spesa regionale va cambiata, vanno qualificate le entrate e vanno eliminati gli sprechi ma occorre farlo senza macelleria sociale".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento