Sicilia zona arancione, Aiello (M5S): "Musumeci la smetta con polemiche"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Se il governo ha deciso di fare della Sicilia zona arancione è perché, pur avendo meno ammalati di Covid 19 di altre regioni area gialla, non ha un numero adeguato di posti letto di terapia sub-intensiva e intensiva per garantire le cure necessarie. I dati parlano e raccontano una verità diversa da ciò che vuol far credere il presidente Nello Musumeci, che nell'attuale difficoltà vissuta dal sistema sanitario siciliano ha grosse responsabilità". Così in una nota il deputato siciliano del Movimento 5 Stelle alla Camera Davide Aiello.

"La decisione del governo è stata presa sulla base di informazioni che la regione è tenuta a fornire costantemente e che quindi Musumeci doveva per forza di cose già conoscere. Non ha senso quindi che oggi gridi allo scandalo perché la Sicilia è classificata ad alto rischio. È chiaro che non ha fatto la sua parte per evitare che questo oggi accadesse, aumentando ad esempio i posti di terapia intensiva", continua Aiello. "Quello che dovrebbe fare ora Musumeci è smetterla di scaricare le sue responsabilità sul governo e adottare un atteggiamento di reale collaborazione per arrivare a sfruttare al meglio i fondi per la Sanità che il governo ha messo a disposizione per gestire l'emergenza anche nella nostra Regione", conclude.

Torna su
PalermoToday è in caricamento