Corruzione al Comune, l'ex assessore Santoro: "Il Re è nudo"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Le dichiarazioni del Sindaco di Palermo sul grave episodio di corruttela al Comune di Palermo sono una toppa peggiore del buco. Orlando abbia il coraggio di ammettere la permeabilità dell’amministrazione comunale al fenomeno della corruzione. Le condotte criminose contestate ai due funzionari dell’edilizia privata del Comune di Palermo e ai due consiglieri comunali della maggioranza di sinistra, qualora venissero confermate, dimostrano con quale disinvoltura e sistematicità essi operavano, i primi sicuri della loro impunità in ragione della fiducia incondizionata accordata dalla giunta di governo nonostante la condanna per il reato di lottizzazione abusiva che già pendeva sulla loro testa e i secondi per essersi ammantati della bandiera dell’antimafia di facciata.

Le responsabilità politiche e amministrative dell’attuale giunta di governo derivano innanzitutto dalla mancata adozione dell’estrema sanzione disciplinare del licenziamento nei confronti dei due funzionari, allorquando vennero condannati dal Tribunale di Palermo per il grave reato di lottizzazione abusiva, sanzione che, se irrogata, li avrebbe allontanati definitivamente dalla gestione della cosa pubblica. Niente di tutto ciò, i due funzionari comunali vennero soltanto trasferiti temporaneamente in altri uffici. Circostanza questa che, secondo quanto riportato dal quotidiano Live Sicilia, avrebbe determinato l’applicazione della misura cautelare per il pericolo di reiterazione del reato, considerato che l’amministrazione Orlando non aveva arginato tale pericolo.

Quanto successo quindi non può essere giustificato dalle incongrue dichiarazioni del Sindaco di Palermo, contraddette peraltro documentatamente dal fatto che i progetti oggetto di indagine sarebbero stati approvati dalla commissione urbanistica, la cui maggioranza e’ tutta a sostegno dell’attuale giunta comunale. Le responsabilità penali sono sicuramente personali ed esse sono esclusivamente riferibili agli autori dei reati, ma che vi sia una responsabilità politica, fosse solo per l’omessa vigilanza, e’ indubbio! I cittadini palermitani auspicano un intervento della Commissione regionale Antimafia, che tra i suoi compiti  annovera anche quello di contrastare il fenomeno della corruzione, per fare chiarezza su quanto accaduto. Ciò che emerge in ogni caso è che il Re è nudo.

Stefano Santoro, ex assessore al Comune di Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento