Corruzione, Aiello (M5S): "Istituzioni sono altro, continuiamo a batterci"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Corruzione, abuso d’ufficio, falso materiale ed ideologico. Ancora una volta le istituzioni pubbliche sono state utilizzate per gli interessi privati di chi invece doveva esserne il garante. A finire in manette sono il sindaco di Casteldaccia, insieme ad altre quattro persone, il suo vice, l'assessore alla Pubblica istruzione, una funzionaria del Comune e un geometra, libero professionista". Lo dichiara il deputato del MoVimento 5 Stelle Davide Aiello commentando gli arresti di Casteldaccia.

"I cinque esponenti della pubblica amministrazione secondo la magistratura, avrebbero concesso lavori e appalti in cambio di assunzioni di parenti e amici al comune di Casteldaccia. Tutto questo è inaccettabile. Per noi le istituzioni sono altro e il MoVimento 5 Stelle continuerà a battersi contro i corrotti e i disonesti che saccheggiano la cosa pubblica a discapito della collettività", conclude il deputato pentastellato.

Torna su
PalermoToday è in caricamento