Due senatori M5S positivi al Covid, uno è di Partinico: "Mai stato così male"

Ad avere contratto il virus Francesco Mollame, eletto nel collegio di Marsala ma originario della cittadina palermitana. Lo sfogo su Facebook: "Questo virus è proprio una gran brutta bestia. Ma ciò che non uccide fortifica". Disposti controlli per tutti i colleghi del gruppo

Il senatore Francesco Mollame

Allarme fra i parlamentari del Movimento Cinque Stelle, dopo che due senatori del gruppo sono risultati positivi al Covid. Uno dei due è Francesco Mollame, eletto nel collegio di Marsala ma di Partinico. Adesso tutti i colleghi del Movimento saranno sottoposti al tampone. Secondo quanto riporta l'AdnKronos sono state revocate, a scopo precauzionale, le riunioni delle commissioni e del Consiglio di presidenza del Senato previste per oggi. Per le sedute di domani, sempre di commissione visto che in questa settimana non sono in calendario lavori l'Aula, si valuterà nelle prossime ore. 

Il capogruppo al Senato Gianluca Perilli spiega che "subito dopo aver appreso l'esito del tampone i due positivi si sono messi in isolamento domiciliare. I senatori M5S che sono entrati in stretto contatto con i due colleghi in queste ore si stanno sottoponendo al tampone e tutto il gruppo parlamentare sta adottando le necessarie misure previste dai protocolli, cosi' come abbiamo sempre fatto fin dall'inizio della pandemia da Coronavirus".

Mollame in un post su Facebook ringrazia quanti gli hanno espreo vicinanaza ma coglie anche l'occasione per tornare sulla vicenda dell'ospedale di Partinico, che nei mesi dell'emergenza è stato riconvertito per casi Covid.  "Ritengo di ringraziare pubblicamente quanti hanno espresso i loro auguri ... tanti ... E quando si sta molto male ed isolato anche un semplice saluto dà forza, non fa sentire soli ... ispira un sorriso. Confesso di essere stato fortunato nella mia vita non avendo sofferto mai per gravi patologie ... mai stato così male; questo virus è proprio una gran brutta bestia. Ma ciò che non uccide fortifica ... Ringrazio ancora quanti operano in prima linea e quanti si sono adoperati da mesi nel predisporre tutte le misure necessarie a combattere questo nemico planetario. Al loro impegno ed al loro lavoro ci affidiamo. Resta chiaro che un paziente covid vale quanto un paziente cardiopatico. E continuo a non capire - si legge - quale sia stata la ratio che ha condotto a chiudere un ospedale con tutti i suoi reparti che serve un'utenza di 150.000 cittadini per aprire al suo posto un centro Covid. Perché ricordo questo accaduto? Perché la recente promessa che l'ospedale Civico di Partinico sarebbe stato dotato di due accessi indipendenti per consentire il funzionamento dei normali reparti e del centro covid non viene mantenuta. E sarebbe già tardi. Non vorrei che da un momento all'altro arrivasse un nuovo ordine di trasferimento dei degenti. No Egregio assessore Razza, Lei ha l'obbligo di spiegare ai cittadini utenti il perché delle Sue scelte... non può sfuggire, Ci parli della bontà, opportuità e necessità delle sue scelte ... Ospedale Civico indica, esprime, manifesta che trattasi di ospedale 'dei cittadini'".

mollame fb-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento