Scuola, Zacco: "Irresponsabile proseguire didattica in presenza per elementari e medie"

Il consigliere comunale chiede l'estensione della Dad: "Allo stato attuale non ci sono le condizioni per un sereno e sicuro prosieguo delle lezioni in presenza degli alunni"

"La decisione di continuare la didattica in presenza per le scuole elementari e medie la ritengo una scelta del tutto scriteriata e irresponsabile". E' la presa di posizione del consigliere comunale e presidente VI Commissione consiliare Ottavio Zacco.

Secondo Zacco: "Mentre da più parti continuano a giungere segnali drammatici con richieste da parte dell'Ordine dei medici di svariate città e di titolati consulenti del ministero della Salute che chiedono a gran voce un lockdown nazionale, sostenendo anche che la chiusura delle scuole ridurrebbe il contagio di un ulteriore 15%, ancora le istituzioni perdono tempo litigando sulle tonalità del giallo e dell'arancione, lasciando nell'incertezza, nel caos e nell'angoscia operatori scolastici, docenti alunni e genitori. Già nella nostra città diverse decine di classi sono state poste in quarantena, il fantomatico sistema di tracciamento è fallito miseramente e ritengo un'utopia continuare a sbandierare lo slogan 'scuola sicura', quando i dirigenti scolastici sono costretti ad un continuo aprire e chiudere classi inseguendo isolamenti fiduciari e contatti dei contatti di soggetti positivi. Tutto questo - aggiunge - non è più tollerabile, la didattica in presenza è imprescindibile per la crescita culturale, sociale e umana dei nostri figli, ma allo stato attuale non ci sono le condizioni per un sereno e sicuro prosieguo delle lezioni in presenza degli alunni. Per questo ho chiesto al sindaco di Palermo in quanto autorità sanitaria locale e responsabile della condizione di salute dei cittadini, di farsi portavoce delle mie rimostranze presso le istituzioni regionali e statali, affinché si attivi nel più breve tempo possibile la didattica a distanza per le scuole di ogni ordine e grado".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento