Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Politica

Un palermitano commissario in Calabria? Speranza: "Su Tronca c'è una discussione in corso"

La figura del prefetto, dopo un'attenta e lunga valutazione nel governo, era stata individuata come la più adatta a gestire una situazione molto complessa. Ma secondo gli ultimi rumors, potrebbe arrivare un rifiuto

"Spero che la questione si risolva nel più breve tempo possibile". E' l'auspicio espresso dal ministro della Salute Roberto Speranza, ospite di 'Che tempo che fa', sulla nomina del commissario per la sanità calabrese. A una domanda sull'ipotesi del palermitano Francesco Paolo Tronca, prefetto, come commissario in Calabria, il ministro ha risposto "c'è una discussione in corso, non credo che sarà l'opzione definitiva". La sua figura, dopo un'attenta e lunga valutazione nel governo, era stata individuata come la più adatta a gestire una situazione molto complessa. Ma secondo gli ultimi rumors, Tronca sarebbe orientato per il "no". Tra i nomi sul tavolo dell’esecutivo ci sono Federico D'Andrea e Luisa Latella.

Tronca - nato a Palermo nel 1952 - è laureato in Giurisprudenza e poi in Storia, e nel 2017 è stato nominato consigliere di Stato dopo aver guidato come commissario straordinario il Comune di Roma rimasto orfano della giunta Marino. Grande studioso del Risorgimento, è stato lui a far trasferire i busti di Mazzini, D'Azeglio e Pisacane - seppelliti in uno scantinato - ai piani alti di Palazzo Senatorio. Tra gli incarichi da segnalare, nel novembre 2016, la nomina a direttore della Struttura di Missione del Ministero dell'Interno incaricata di svolgere le attività finalizzate alla prevenzione e al contrasto delle infiltrazioni mafiose nell'azione di ricostruzione delle aree colpite dal terremoto in Lazio, Marche e Umbria

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un palermitano commissario in Calabria? Speranza: "Su Tronca c'è una discussione in corso"

PalermoToday è in caricamento