Coronavirus, Musumeci: "Le scuole? L'ultima cosa da chiudere"

Il presidente della Regione al convegno "Futuri - pronti all'impresa" dei giovani imprenditori di Confindustria è tornato a parlare di quanto è stato fatto, contro il virus, a livello nazionale e locale: "Sono convinto che il governo Conte debba dare maggiore autonomia ai governatori"

Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, al convegno "Futuri - pronti all'impresa" dei giovani imprenditori di Confindustria

"Io sono perchè la scuola sia l'ultima cosa da chiudere. La scuola distrae e forma i ragazzi, è importante. L'ultimo provvedimento che adotterei, dopo avere chiuso tutto, è quello delle scuole". A dirlo è stato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, al convegno "Futuri - pronti all'impresa" dei giovani imprenditori di Confindustria, in merito alla decisione adottata dal collega governatore della Campania, Vincenzo De Luca, di chiudere le scuole davanti all'aumento dei contagi da Covid-19. 

"Se lo ha fatto vuol dire che avrà avuto le sue buone ragioni - ha aggiunto Musumeci - avrà consultato il Comitato tecnico-scientifico e rispetto alla decisione adottata da un collega non ho motivo per potere esprimere giudizi".

Covid, didattica a distanza per scuola media di via del Fervore

Musumeci è tornato a parlare di quanto è stato fatto, contro il virus, a livello nazionale e locale. "Mi verrebbe facile bacchettare Arcuri  (Il commissario straordinario per il potenziamento delle infrastrutture ospedaliere necessarie a far fronte all'emergenza Covid ndr) perchè i ventilatori sono stati assegnati con molto ritardo. Noi in Sicilia, per fortuna, ci siamo attrezzati. I ventilatori di cui parla Arcuri, che riguarderanno altre regioni, non possono essere immediatamente collocati. Creare un reparto di Terapia intensiva non significa collocare un ventilatore in ogni stanza".

Quanto poi al rapporto con Roma ha ribadito di essere "autonomista" e avere "una visione nazionale. Però sono convinto che il governo Conte debba dare maggiore autonomia ai governatori. Nessuno meglio di noi conosce la realtà del nostro territorio. Credo che in tempo di epidemia, e quindi 'di guerra', le linee generali le debba dare il governo nazionale ma ai governatori deve essere consentito di potere adottare in autonomia iniziative in funzione della specificità delle esegenze del territorio".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte agenzia Dire
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: scatta il coprifuoco dalle 23

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Regione, nuova stretta anti Covid: locali chiusi alle 23, dad nei licei e trasporti dimezzati

  • Conte firma il nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata l'ordinanza di Musumeci

  • Le mosse anti Covid di Orlando: nessun coprifuoco ma divieto di sostare in strada

  • Piazza di Mondello, chiuso ristorante: "Bagno senza sapone e lavoratori in nero"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento