Miccichè incontra i gestori dei cinema: "Settore penalizzato che aiuteremo a riaprire"

Il presidente dell'Ars ha riunito una rappresentanza degli esercenti delle sale cinematografiche della Sicilia, che ancora non hanno ripreso l’attività a causa di alcune norme anti Covid. Ecco le richieste avanzate alla politica regionale

Tra i tanti settori più colpiti dal Covid-19 vi sono i cinema e i teatri, oggi al centro di un incontro a Palazzo Reale con il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè. La delegazione siciliana dell’Anec, associazione nazionale esercenti cinema, era guidata dal presidente provinciale Andrea Peria, assieme al presidente regionale Paolo Signorelli e ad una folta rappresentanza di responsabili dell’associazione ed esercenti.

"Ho incontrato - dice Miccichè - una rappresentanza degli esercenti delle sale cinematografiche della Sicilia, che ancora non hanno ripreso l’attività a causa di alcune norme anti Covid, che dovrebbero essere riviste, oltre che per le grandi difficoltà economiche che la chiusura degli ultimi mesi ha provocato. Verificheremo quali strumenti possono essere messi in campo, affinché anche questo importantissimo settore possa riprendere l’attività".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Al presidente Miccichè - ha spiegato Andrea Peria - abbiamo chiesto tre cose: lo sblocco del bando previsto dall'assessorato regionale al Turismo che prevede l’indennizzo alle sale cinematografiche per il mancato sbigliettamento nel 2019; di aiutarci per potere utilizzare il 'Tax Credit', una somma annuale che i gestori dei cinema vantano dal Mibac, quindi dallo Stato, scontandolo attraverso istituti di credito. Risorse per noi utilissime per potere ripartire e riaprire le sale; necessaria, infine, la modifica di alcuni punti della circolare della Protezione civile regionale che contiene misure troppo restrittive anti Covid, come l’uso delle mascherine nelle arene o l’autocertificazione al botteghino per i congiunti o conviventi. Siamo chiusi dall’8 marzo e, continuando così, c’è il rischio di non potere riaprire a settembre".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

Torna su
PalermoToday è in caricamento