Coronavirus, Lega: "Ministro Speranza non può decidere su lockdown"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"La classificazione delle regioni nella fascia rossa o arancione non può essere demandata a un'ordinanza del ministro della Salute: ci vuole un atto con forza di legge per attribuire tale potere a qualsiasi organo istituzionale". Lo affermano in una nota congiunta l'europarlamentare della Lega Francesca Donato e il vicesegretario regionale della Lega in Sicilia Fabio Cantarella.

"Tale considerazione - spiegano i due esponenti della Lega - deriva dal principio di legalità, fondamentale nel nostro ordinamento costituzionale, in base al quale lo stesso potere del presidente del Consiglio di emettere i Dpcm in risposta all'emergenza Covid-19, poggia su due decreti legge. Ma il presidente Conte non può a sua volta trasferire tale potere al ministero della Salute, i cui poteri di ordinanza sono regolati dall'art. 32 della Legge 833/1978, e fra questi non rientra di certo il potere di stabilire in quali regioni si debbano applicare misure fortemente restrittive della libertà personale e dei diritti costituzionali fondamentali al lavoro, alla circolazione ed all'iniziativa economica, come quelli previsti nell'ultimo Dpcm".

"Lo sgretolamento del nostro impianto costituzionale e dei principi fondanti la nostra Repubblica prosegue da mesi nel silenzio della politica e degli organi di garanzia, ma questo passaggio è la goccia che fa traboccare il vaso. Il Presidente Conte è titolare del potere esecutivo e non può sostituirsi al legislatore attribuendo poteri nuovi e inediti ad altri organi, che siano i Ministri o altri” concludono Donato e Cantarella.

Torna su
PalermoToday è in caricamento